Il miglior controller
test
Pubblicato:

Il miglior controller

Abbiamo testato 13 controller per diverse piattaforme: il miglior controller per Xbox è l’Xbox wireless, il quale ci ha convinto sotto ogni aspetto. Ai giocatori di PS4 consigliamo il DualShock 4. Come alternativa vi proponiamo l’Hori Onyx Plus e l’Xbox Elite Series 2.

Nele Wobker
Nele Wobker
freelance, gamer purosangue. Scrive di videogiochi per riviste come GameStar e GamePro. Si diverte a produrre idromele e birra e non si annoia mai.
Eleonora Cuccuru
Eleonora Cuccuru
laureata in Traduzione Specialistica, è traduttrice e ha lavorato come sottotitolatrice e adattatrice di film e documentari. Ama le lingue e i processi linguistici, sperimentare nuove ricette e ha un debole per la cucina italiana e internazionale.
Aggiornamento informazioni

Testiamo in continuazione nuovi prodotti e revisioniamo i nostri consigli con regolarità. Vi informeremo non appena questo articolo sarà stato aggiornato.

Il nostro test ha dimostrato che un prodotto più costoso non è per forza il migliore. A seconda delle esigenze, un buon controller è disponibile già a partire da 40 euro. Noi della redazione abbiamo testato modelli in una fascia di prezzo compresa tra i 12 e i 160 euro, sia cablati che non.

Molti gamer non sono ancora passati alle console di ultima generazione a causa della scarsa disponibilità e dei prezzi assurdamente alti. Secondo alcuni sondaggi, la maggior parte dei giocatori utilizza ancora la PlayStation 4 (in versione Slim o Pro) o l’Xbox One. Per questo motivo non ci siamo limitati a testare esclusivamente modelli compatibili solo con PlayStation 5 o Xbox Series X|S. Vi proponiamo anche controller per le console Microsoft e Sony, nonché per il PC e altre piattaforme.

I controller sono sempre più apprezzati. Da tempo i dispositivi di input all-in-one non sono riservati ai giocatori di console, ma anche su notebook o PC gaming. Molti produttori come Razer, Hori, Logitech, SteelSeries, HyperX, Nacon e altri forniscono delle alternative ai comuni brevetti dell’Xbox e della PlayStation.

Chi è abitutato a giocare con mouse e tastiera potrebbe aver bisogno di un po’ di tempo ad abituarsi al controller. Il periodo di familiarizzazione è breve, si memorizza subito la posizione dei pulsanti e si è in grado di superare anche gli eventi quick time più stressanti.

I nostri consigli in breve

Il migliore per Xbox e PC

Microsoft Xbox Wireless Controller

Il miglior controller
Si tratta di un evergreen da cui molti modelli hanno tratto ispirazione. Semplice, funzionale e con un buon rapporto qualità/prezzo.

Il miglior controller è l’Xbox wireless di Microsoft. Offre tutte le caratteristiche necessarie, ha una qualità costruttiva convincente e un buon rapporto qualità/prezzo. Si tratta di un vero e proprio evergreen.

Il migliore per PS4

Sony DualShock

Il miglior controller
Se giocate alla PS4, preferite un design assimetrico e volete godervi tutte le funzioni dei giochi PS4 (VR incluso), sarete soddisfatti di queso controller.

Sony sa come produrre controller di gioco perfetti per i propri dispositivi. È questo il caso del Sony DualShock 4, di cui troviamo anche delle nuove edizioni, diverse in termini di superficie e colore. Per quanto riguarda la funzionalità e la qualità, questo modello per PlayStation 4 è sicuramente il migliore della quarta generazione Sony.

Buona alternatica per PS4

Hori Onyx Plus

Il miglior controller
Il controller, con licenza ufficiale, offre un design asimmetrico ottimo per giocare alle PS4. Qualche lacuna in termini di gamma di funzioni.

Hori propone con l’Onyx Plus un’alternativa di alta qualità e dal design asimmetrico al DualShock 4 della Sony. Il layout è quello tipico Xbox, il design è asimmetrico e troverete anche la licenza PS. Mancano alcune caratteristiche del controller ufficiale della PS4, come la barra luminosa, ma bisogna considerare che questo joypad è più economico. Inoltre, la lightbar ha più senso per i giocatori VR.

Di lusso

Microsoft Xbox Elite Controller Series 2

Il miglior controller
Un joypad costoso ma personalizzabole, adatto a tutti i gamer Xbox che vogliono sempre di più.

Se avete la possibilità di mettere mano al portafoglio e se giocate principalmente su Xbox o PC di nuova generazione e volete degli extra speciali, potete optare per il controller Microsoft Xbox Elite Series 2. La denominazione rispecchia ciò che il controller offre.

Tabella di confronto

Il migliore per Xbox e PCMicrosoft Xbox Wireless Controller
Il migliore per PS4Sony DualShock
Buona alternatica per PS4Hori Onyx Plus
Di lussoMicrosoft Xbox Elite Controller Series 2
Sony DualSense
Turtle Beach Recon Controller
HyperX Clutch Wireless
Steelplay Metaltech Wireless
Hori Horipad Pro
Snakebyte GAME:PAD 4 S Wireless Rock
Speedlink Thunderstrike
Il miglior controller
  • Ottimizzato per Xbox One
  • Batterie intercambiabili
  • Ottima qualità
  • Ottimo al tatto
  • Buon rapporto qualità/prezzo
  • Difficile da pulire
  • Non funziona con la PlayStation
  • Rumoroso
Il miglior controller
  • Ottimizzato per PlayStation 4 e giochi PS4
  • Ottima autonomia
  • Funzionalità impeccabile
  • Buona qualità
  • Facile da pulire..
  • ...ma troppo liscio
  • Non adatto a chi ha le mani particolarmente grandi
  • Tasti laterali molto esposti
Il miglior controller
  • Buon rapporto qualità/prezzo
  • Buona qualità
  • Senza fronzoli
  • Feedback non ottimale
  • Senza Lightbar e Bluetooth
  • Nessun cavo di ricarica in dotazione
Il miglior controller
  • Ricarica wireless tramite docking station
  • Pulsanti posteriori rimovibili
  • Con tasti extra e levette in dotazione
  • Con borsa di trasporto
  • Di qualità
  • Costoso
  • Difficile da pulire
  • Non funziona con la PlayStation
  • Pesante
Il miglior controller
  • Ottimizzato per PlayStation 5 e giochi PS5
  • Funzionale e ottimo al tatto
  • Senza fronzoli
  • Continui aggiornamenti del software
  • Molto costoso
Il miglior controller
  • Ottimo al tatto
  • Buona qualità
  • Molti tasti e funzioni
  • Cavo da USB-C a USB-A rimovibile
  • Cablato nonostante il prezzo
  • Superficie levette non ottimale
  • Funzioni audio sfruttabili solo via cavo
Il miglior controller
  • Buona presa
  • Buona qualità
  • Slot di espansione incluso (ad esempio per smartphone)
  • Superficie levette non ottimale
  • Levette non rivestite
  • Luci molto luminose
Il miglior controller
  • Rivestimento morbido e antiscivolo
  • Ottimo al tatto
  • Tasti silenzioso
  • Quattro tasti posteriori extra...
  • ...che possono disturbare chi non li usa
  • Qualità non ottimale
  • Feedback non ottimale, soprattutto su R2/L2
  • Pannello touch funziona solo con clic
Il miglior controller
  • App per personalizzare funzioni
  • Superficie opaca
  • Pulsanti di accensione/spegnimento delle cuffie
  • Cablato
  • Levette rumorose
  • Feedback non ottimale
Il miglior controller
  • Superficie opaca
  • Economico
  • Leggero
  • Design non ottimale
  • No simboli o numeri nei tasti azione ma parole
  • Feedback non ottimale
  • Posizione scomoda dei tasti di opzioni e condivisione
Il miglior controller
  • Molto economico
  • Qualità mediocre
  • Compatbile solo con PC
Mostra dettagli prodotto

I controller da gaming

I controller sono una scelta ottimale per la maggior parte dei giocatori, ma non per tutti. Sicuramente si tratta di un parere soggettivo.

Ci sono inoltre titoli della Sony come ad esempio The Last of Us Part II che necessitano per forza di un controller e sono stati ottimizzati per questo scopo. Il controller è consigliato anche per giochi che richiedono schivate veloci e controlli fluidi, come ad esempio Elden Ring. Anche i giochi di ruolo, le corse, i jump and run funzionano generalmente meglio con un controller.

Il miglior controller

Con i giochi di strategia e di simulazione di costruzione, usare un controller può risultare complicato e confuso a causa dell’assegnazione dei pulsanti talvolta non ottimizzata. Se giocate agli sparattutto o altri giochi che prevedono la mira, all’inizio non sarà facile mirare e eseguire le azioni con la dovuta rapidità. Allo stesso modo, con alcuni MMO/MMORPG, come WoW, si può giocare solo con mouse e tastiera. Invece altri giochi non supportano il controller per una questione di impostazioni predefinite.

Tasti e joystick

A seconda delle preferenze, i controller possono avere più o meno pulsanti. Non è detto che un maggior numero di tasti corrisponda a una migliore performance. Da un lato, più pulsanti ci sono, peggiore è la maneggevolezza, dall’altro potrebbe risentirne la funzionalità. Se, ad esempio, sul retro, troviamo altri trigger oltre ai tasti laterali, si rischia un’infiammazione della fascia anulare in caso di uso prolungato, perché le dita devono stare costantemente in tensione per evitare di sbagliare tasti involontariamente. Inoltre, molto spesso si tratta di tasti con poco senso. I tasti che ogni controller dovrebbe avere sono i seguenti:

Due levette (a pressione o meno): quella di sinistra viene solitamente utilizzata per condurre personaggi o veicoli, mentre quello di destra per cambiare la prospettiva della telecamera o selezionare le risposte. La funzione push-in opzionale può avere diversi usi. Principalmente si usa per far fare uno sprint ai personaggi, farli piegare, per zommare le scene o per aprire l’inventario delle armi. Queste levette possono essere simmetriche (come sul DualShock 4) o asimmetriche (come su qualsiasi controller ufficiale Xbox Microsoft).

Parellelo o diagonale: una questione di gusti

In questo caso dipende molto dalle preferenze del singolo giocatore. Alcuni preferiscono un design parallelo, altri diagonale. Dal 2022 la tendenza sembra propendere verso l’asimmetria, motivo per cui questo design non è adoperato solo da Xbox. Già con la PlayStation 4 era evidente che alcuni utenti avevano problemi con il design simmetrico del Dual Shock 4, tanto che già allora produttori come Hori produssero, con l’Onyx Plus, un controller con licenza ufficiale Sony per la PS4 secondo il design Xbox.

Quattro tasti di azione: come suggerisce il nome, servono per eseguire varie azioni. I quattro pulsanti, che di solito si trovano sulla destra del gamepad, possono indicare, ad esempio, “Schivata”, “Colpo”, “Presa” e “Attacco speciale”, oppure attivare incantesimi e abilità in combinazione con i tasti laterali in giochi come Dragon Age: Inquisition. A seconda del gioco, i tasti azione hanno funzioni diverse.

Croce direzionale o D-Pad: può essere utilizzata, ad esempio, come accesso rapido per l’inventario delle pozioni o per inviare il corvo in Assassin’s Creed Valhalla. Anche in questo caso, dipende dal gioco.

Quattro tasti laterali: due più ristretti in alto, di solito chiamati L1 e R1, e due più grandi sotto, denominati L2 o R2 o trigger. Sono spesso utilizzati per mirare, sparare o scivolare (su rotaie o corde), accelerare con veicoli o altre funzioni. Si azionano con indice e medio.

Opzioni: così si mette in pausa o si accede al menu principale.

Share/condividi: con questo tasto si possono fare degli screenshot o registrazioni video.

Home/tasto principale: il pulsante principale viene utilizzato per accendere la console o per accedere al menu mentre si gioca. Di solito mostra il simbolo della piattaforma proprietaria del controller.

Tasti extra e ulteriori caratteristiche

Oltre ai pulsanti e alle funzioni standard, alcuni produttori offrono non solo paddle aggiuntivi, ma anche ulteriori extra e funzioni speciali. Per le persone che utilizzano il controller insieme alle cuffie VR, ad esempio, una barra luminosa, come quella di Sony DualSense, è essenziale perché permette agli occhiali di individuare il dispositivo di input.

Alcuni controller offrono anche più sensori di movimento, utilizzati, ad esempio, in giochi come Until Dawn, quando il personaggio deve rimanere fermo in situazioni di pericolo o non può respirare. Lo sforzo del personaggio viene tradotto anche al giocatore stesso, che dovrà tenere il controller fermo nelle mani. Il sensore registra il minimo movimento e il personaggio rischia così la propria vita.

I sensori di movimento offrono la massima esperienza di gioco

Ritroviamo la stessa tecnologia anche in Uncharted 4: Nathan Drake si trova in una grotta buia  quando all’improvviso l’unica fonte di luce, una torcia, inizia a lampeggiare e alla fine si spegne. L’animazione nell’immagine suggerisce di toccare l’impugnatura sinistra del controller sul palmo della mano sinistra, proprio come si fa quando le batterie delle vecchie torce hanno bisogno di una spinta, ed ecco che la luce si riaccende.

L’esperienza viene massimizzata da un altro effetto, per cui il controller pulsa a ritmo cardiaco mentre il nemico si avvicina al nostro avatar che cerca di rimanere immobile. Alcuni controller di fascia media e alta offrono questo feedback sotto forma di vibrazioni di diversa intensità.

Inoltre, alcuni controller sono dotati di touchpad, integrati nel gioco in diversi modi. Tuttavia, nella maggior parte dei casi il touchpad viene utilizzato semplicemente come un pulsante da cliccare, ad esempio per entrare nel menu. In realtà questa superficie touch può essere usata per effetti sorprendenti: in Uncharted 4, ad esempio, possiamo usare il DualShock per accendere un fiammifero nel gioco passando un dito sul touchpad.

Alcuni gamepad sono dotati di altoparlanti integrati in grado di riprodurre suoni particolarmente vicini o autoindotti. Ad esempio, se il nostro avatar utilizza una radio, la riproduzione attraverso gli altoparlanti del controller viene spesso utilizzata per emettere le chiamate radiofoniche del nostro interlocutore e quindi per differenziarle ed enfatizzarle dal resto dello sfondo sonoro.

Troverete maggiori funzioni nei controller più costosi, che presentano sul retro numerosi tasti con diversi scopi.

Cablati o wireless?

I pro e i contro di un controller cablato o meno sono evidenti. I controller wireless offrono maggiore libertà di movimento, ma devono essere ricaricati spesso o richiedono un cambio di batterie. Inoltre, possono presentare problemi con la trasmissione o raggio d’azione. Con un controller cablato dobbiamo per forza rimanere prossimi alla postazione di gioco e la nostra posizione dipenderà quindi dalla lunghezza e dal tipo di cavo. D’altra parte, non dovremmo preoccuparci dell’autonomia della batteria o del raggio d’azione e, inoltre, i controller cablati sono più economici.

La maggior parte dei gamer preferisce controller senza fili, forse anche perché rappresentano la fetta più grande del mercato. Un trend che si rispecchia anche in altri dispositivi di input da gioco come mouse o tastiere.

L’ultima generazione di console di Microsoft e Sony sembra confermare questa tendenza con la Serie X/S e la PlayStation 5, dato che entrambi i controller ufficiali (Xbox Elite Controller V2 e PlayStation DualSense) sono senza fili.

La qualità è importante

La qualità costruttiva è estremamente importante in un buon controller. Non si tratta infatti soltanto della reazione dei tasti, ma anche di come sono costruiti, in quanto devono resistere a un gran numero di input veloci, talvolta frenetici, o magari a qualche caduta dal divano. Se le diverse parti non sono installate correttamente o sono incollate in modo errato, non solo l’usabilità viene messa a rischio, ma anche la robustezza.

Ergonomia

Se il controller che abbiamo scelto non è ergonomico, c’è il rischio di compromettere la nostra salute. Tendiniti, infiammazioni dei legamenti (che possono diventare croniche se non trattate) e irritazioni alla pelle non sono condizioni rare tra i gamer più sfegatati, sia che usino un controller, sia che usino una tastiera.

Spesso capiamo solo dopo diverso tempo e pratica quale controller fa al caso nostro. Ciò che possiamo fare prima dell’acquisto è osservare le dimensioni, il peso, il design (simmetrico o asimmetrico) e la forma e, qualora possibile, provare l’apparecchio in negozio o usufruire del diritto di recesso. Almeno così potrete capire se il controller vi dà una buona sensazione in mano.

I prodotti con licenza ufficiale sono di solito i migliori

Molti produttori dichiarano che i propri dispositivi sono compatibili con tutti i tipi di piattaforme e sistemi. Purtroppo, questo è vero solo in parte, perché solitamente queste caratteristiche sono assenti nei prodotti economici. Sia PlayStation sia Xbox concedono licenze a controller di qualità prodotti da altre aziende e compatibili con le loro console. I prodotti con licenza possono essere riconosciuti dal fatto che i simboli Xbox e PlayStation sono visibili sui controller stessi. I colori dei simboli non possono essere utilizzati sui prodotti della concorrenza senza una licenza.

XInput e DirectInput

L’interfaccia di programmazione (API) di Microsoft DirectX permette agli utenti di utilizzare programmi tramite un dispositivo di ingresso analogico o digitale sul PC. Lo standard attuale è XInput. È stato creato per la prima volta da Microsoft con il controller Xbox 360 e Windows XP. Molti videogiochi per computer utilizzano XInput dal 2005.

I controller Xbox e altri controller XInput sono configurati per poter funzionare anche con software obsoleti in grado di supportare solo DirectInput. Tuttavia, possono verificarsi incompatibilità con i singoli dispositivi. A volte gli emulatori devono essere configurati in modo da poter essere utilizzati anche nei giochi digitali che supportano solo XInput.

Il miglior controller

Il miglior controller per Xbox e PC: Microsoft Xbox

Il controller wireless Xbox è un evergreen. Anche molti amanti della PlayStation sono rimasti colpiti dal grandioso design dei controller Microsoft fin dai tempi dell’Xbox 360. Ma una volta che avrete in mano il controller wireless dell’Xbox 360 con il suo design asimmetrico, non vorrete altro.

Il migliore per Xbox e PC
Microsoft Xbox Wireless Controller
Il miglior controller
Si tratta di un evergreen da cui molti modelli hanno tratto ispirazione. Semplice, funzionale e con un buon rapporto qualità/prezzo.

Si tratta del miglior controller per Xbox e PC. È collegato in modalità wireless tramite un dongle USB-A e l’accoppiamento funziona senza problemi.

Non esiste una batteria integrata, è necessario inserire due batterie AA sul retro del controller. Per noi è la soluzione più pratica perché le batterie permanenti perdono capacità con il passare degli anni. Con le batterie ricaricabili adeguate, tuttavia, raramente si rimane senza carica e si ha una buona autonomia di gioco.

1 di 4
Il miglior controller
Si tratta di uno dei design più apprezzati.
Il miglior controller
Si può giocare anche in modalità cablata attraverso un ingresso USB C.
Il miglior controller
I pulsanti non si attivano direttamente, così da evitare che si attivino accidentalmente quando si mette giù il controller.
Il miglior controller
Il modello risulta molto ergonomico.

Ma se non disponete di batterie in casa, non sarà un problema. Sul retro del controller è presente una porta USB-C, che vi permetterà di utilizzare l’Xbox in modalità cablata.

L’uso è davvero semplice e le mani di medie dimensioni possono raggiungere tutti i tasti del controller. Sul lato inferiore la plastica è ruvida per garantire una presa migliore. A confronto, però, l’Xbox Elite Series 2 ci è sembrato più stabile. D’altra parte, questo controller è più leggero: pesa infatti solo 285 grammi.

Un po’ più difficile da gestire, invece, è la superficie delle levette. Queste (come anche nell’Horipad Pro di Hori e nel controller Recon di Turtle Beach) hanno una rientranza angolare che probabilmente non tutti troveranno comoda. Potete comunque acquistare a parte gli accessori che ritenete più appropriati.

Nonostante questi piccoli difetti, il controller wireless Xbox è e rimane uno dei nostri controller preferiti, ottimo da usare, flessibile grazie alle batterie intercambiabili e abbordabile in termini di prezzo.

Il miglior controller per PlayStation: Sony DualShock 4

Chiunque possieda una PlayStation 4 conosce bene il controller DualShock di Sony. Può capitare, però, di dover comprare un nuovo controller per la PlayStation perché quello vecchio non funziona più. Discuteremo qui i pro e i contro del DualSchock, in modo da aiutarvi a decidere se rimanere con l’originale o provare un controller alternativo tra quelli testati, come ad esempio l’Hori Onyx Plus.

Il migliore per PS4
Sony DualShock
Il miglior controller
Se giocate alla PS4, preferite un design assimetrico e volete godervi tutte le funzioni dei giochi PS4 (VR incluso), sarete soddisfatti di queso controller.

Per quanto riguarda la qualità costruttiva, sul DualShock c’è poco da dire. Tutti i pulsanti e le levetta sono facili da usare e hanno sicuramente una lunga vita. Eppure c’è una cosa che dà fastidio a molti utenti: i tasti laterali L2 e R2 non protetti. Se si appoggia il controller con noncuranza su un tavolo, un divano o un letto, è facile che uno dei pulsanti venga attivato.

Mentre i vecchi modelli di DualShock avevano una superficie piuttosto liscia che si consumava rapidamente con il tempo e la presa ne risentiva, i modelli odierni hanno fortunatamente un rivestimento leggermente ruvido. Il controller risulta così più saldo in mano e non diventerà subito lucido a causa dell’usura.

1 di 5
Il miglior controller
Il DualShock per la PlayStation 4 è davvero un capolavoro.
Il miglior controller
I simboli originali di PS possono essere utilizzati solo su prodotti di proprietà o su licenza Sony.
Il miglior controller
Il touchpad e la barra luminosa per la VR sono delle vere chicche.
Il miglior controller
L'impugnatura è molto tondeggiante, come di consueto nei modelli Sony.
Il miglior controller

Chi utilizza PlayStation VR non potrà fare a meno del DualShock. Nessuno degli altri controller dispone di una barra luminosa sul retro del controller. Si tratta di un dettaglio importante perché permette alla telecamera della PlayStation di riconoscere la posizione del controller, a meno che non si giochi con i controller Move. Ma anche senza VR, la barra luminosa è una piccola trovata a cui non tutti vogliono rinunciare. Spesso mostra uno stato del nostro avatar, ad esempio diventa verde se il nostro personaggio è stato avvelenato o semplicemente si illumina di colori differenti per distinguere i due giocatori.

Il touchpad del DualShock non ha sicuramente rivali. Inoltre, soltanto con il DualShock è possibile controllare lo stato della batteria dalla Play Station. Per la ricarica troverete un attacco micro USB sul retro.

Chi gioca alla PlayStation 4 ha poche alternative sensate al DualShock. Nemmeno i controller con licenza PlayStation non riescono a raggiungere il livello del DualShock. Chi intende spendere qualcosa in più può puntare sul controller di lusso Astro C40 TR. Altrimenti il DualShock rimane imbattibile.

Alternative

Abbiamo delle alternative per chi desidera un modello di lusso o magari uno più economico.

Buona alternativa per PS4: Hori Onyx Plus

Il controller Hori Onyx Plus è un modello con licenza ufficiale Sony perfetto per chi preferisce il design del controller XBox ma gioca alla PS4.

Buona alternatica per PS4
Hori Onyx Plus
Il miglior controller
Il controller, con licenza ufficiale, offre un design asimmetrico ottimo per giocare alle PS4. Qualche lacuna in termini di gamma di funzioni.

Le levette sono simili a quelle del DualShock, ma sono disposte in diagonale l’una rispetto all’altro, il che ne rende l’uso molto diverso. Per ottenere un feedback bisogna inclinare le levette in maniera più netta rispetto agli altri controller. Inoltre, ci sono sembrate abbastanza rumorose, non che sia un dettaglio preoccupante.

Lo stesso controller è più grande e le impugnature sono più a punta rispetto a quelli del DualShock, il che vuol dire che anche chi ha le mani più grosse si troverà bene con questo controller.

1 di 5
Il miglior controller
Questo sarebbe il design del DualShock se fosse stato progettato da Microsoft. Purtroppo, alcune funzioni del controller PS4 sono assenti nella controparte XBox.
Il miglior controller
L'impugnatura sembra più liscia di quanto non sia, in realtà offre una presa confortevole.
Il miglior controller
A differenza del DualShock, i tasti laterali non sono troppo esposti.
Il miglior controller
I simboli e i colori originali PS indicano che questo controller è stato concesso in licenza da PlayStation.
Il miglior controller
I due interruttori sul retro servono per passare dalla modalità wireless a quella cablata e dalla PS4 al PC.

Grazie alla licenza concessa da Sony PlayStation, l’Hori Onyx Plus può anche utilizzare i simboli PS ufficiali, il che è particolarmente importante nel gioco durante i quick time event, perché questi simboli vengono visualizzati sul monitor di gioco o sulla TV e devono essere premuti senza pensarci due volte.

Oltre ai pulsanti standard che ogni buon controller di gioco dovrebbe avere, l’Hori Onyx Plus ha anche due interruttori a levetta sul retro: uno per passare da PS4 a PC e uno per selezionare la modalità cablata o wireless. Si tratta di un’opzione estremamente pratica. Purtroppo, nonostante la licenza Sony, sulla PlayStation 4 non si può visualizzare lo stato della batteria e la console non può essere accesa dal controller.

Come il DualShock, l’Onyx Plus ha un touchpad sensibile ai clic, ma il suo feedback non si avvicina a quello dell’originale. Un’altra differenza è l’assenza della barra luminosa tipica del DualShock, che lo rende praticamente inutilizzabile per i giochi VR. Nell’Hori non c’è il rischio che i pulsanti laterali si attivino involontariamente. Il feedback, tuttavia, non è ottimale.

L’Hori Onyx Plus non è perfetto e non si avvicina al DualShock 4, ma è comunque un’alternativa valida e più economica per i fan del controller Xbox.

Di lusso: Microsoft Xbox Elite Series 2

Il controller wireless Xbox Elite Series 2 è lo standard di riferimento per i controller Xbox e PC. Non ha solo un’ottima qualità costruttiva, ma risulta particolarmente ergonomico e presenta il design asimmetrico tipico dell’Xbox. Inoltre, è un controller altamente personalizzabile.

Di lusso
Microsoft Xbox Elite Controller Series 2
Il miglior controller
Un joypad costoso ma personalizzabole, adatto a tutti i gamer Xbox che vogliono sempre di più.

Oltre a una pratica borsa per il trasporto, in dotazione troverete una serie di pezzi di controllo che possono essere sostituiti. Inoltre, il punto di pressione delle levette può essere regolato con l’aiuto di uno strumento in dotazione. Il pannello di controllo rotondo può essere sostituito da un normale pannello di controllo.

Nella parte inferiore di Xbox Elite Series 2 sono presenti quattro pulsanti paddle, due a sinistra e due a destra. Non essendo sempre necessari, possono essere facilmente rimossi e riposti nella borsa di trasporto. Sul lato inferiore si trovano anche due comandi per regolare la corsa dei pulsanti del grilletto. Una corsa più breve può essere importante soprattutto per i tiratori veloci e competitivi.

1 di 6
Il miglior controller
Questo controller offre tutto ciò che i giocatori di Xbox possono desiderare.
Il miglior controller
Il controller è di qualità.
Il miglior controller
Il controller può essere caricato tramite una porta USB-C.
Il miglior controller
L'impugnatura è ergonomica.
Il miglior controller
Le levette sono estremamente precise.
Il miglior controller
Possono anche essere sostituite.

Con l’app Xbox corrispondente, è possibile personalizzare l’assegnazione dei pulsanti e la luce LED del pulsante Xbox e salvarli in tre profili, modificabili sul controller stesso.

Il controller Xbox Elite Series 2 si collega tramite Bluetooth. Non è presente un dongle USB per la trasmissione wireless, come nel caso del controller wireless Xbox standard o di altri modelli. Il gamepad si ricarica tramite la porta USB-C (è incluso un cavo da USB-A a USB-C) o in modalità wireless tramite la docking station inclusa. Quest’ultima viene collegata al computer o alla Xbox tramite un cavo e il controller viene semplicemente posizionato sopra per essere ricaricato. Molto pratica è anche la fessura nella borsa di trasporto attraverso la quale è possibile far passare il cavo di ricarica. In questo modo il controller Xbox può essere caricato anche quando è riposto al sicuro nella borsa.

Nulla da dire sulla maneggevolezza, impeccabile come in quasi tutti i controller Xbox. Il gamepad si adatta meravigliosamente alla mano, tutti i pulsanti sono facili da raggiungere e il rivestimento in gomma leggermente ruvida offre una buona presa.

Chi non si lascia scoraggiare dal prezzo elevato e cerca un controller assolutamente al top con molte possibilità sarà assolutamente soddisfatto del controller wireless Xbox Elite Serie 2.

La concorrenza

Sony DualSense

“It’s not a trick, it’s a Sony”, recita una vecchia pubblicità del produttore. Effettivamente non ha tutti i torti: i prodotti Sony riescono ad essere veramente sorprendenti. Tuttavia, la magia resta in casa: il Sony DualSense è il miglior controller per la PS 5, ma non risulta così utile per altre piattaforme. Questo controller wireless ha comunque dell’incredibile. Il DualSense è particolarmente ergonomico e facile da pulire. L’aspetto è di classe, ma in realtà Sony non ha bisogno di fronzoli per risplendere.

Anche il prezzo di circa 70 euro sembra ragionevole. Se possedete una PS 5 o intendete acquistarla, il Sony DualSense è la scelta migliore, in quanto offre tutto ciò che i giocatori di PlayStation 5 possono desiderare. Un’ottima qualità costruttiva, microfono integrato, blocco delle cuffie, giroscopio, sensori di movimento e molto altro. Ma se intendete utilizzare il controller con un PC allora vi consigliamo di informarvi prima su come funziona e con quali giochi.

Turtle Beach Recon Controller

Non solo il Turtle Beach Recon è un controller di bell’aspetto, ma è anche in grado di offrire molto. Risulta particolarmente maneggevole, anche se, purtroppo, prevede solamente un uso cablato. Il gamepad offre alcune funzioni speciali di controllo dell’audio, ma queste sono accessibili solo tramite una connessione jack da 3,5 mm e sono quindi vincolate al cavo. Per i giocatori che desiderano utilizzare le cuffie da gioco wireless, le funzioni audio non sono utilizzabili, quindi avrete a che fare con ben due cavi. Se non fosse per questo fastidioso problema dei fili, il Turtle Beach Recon avrebbe ottenuto un punteggio maggiore.

Steelplay Metaltech Wireless

Avremmo voluto lo Steelplay Metaltech Wireless tra i principali consigli, ma purtroppo ci sono delle lacune in termini di qualità che ci hanno impedito di farlo. Iniziamo però dagli aspetti positivi: il rivestimento esterno è incredibilmente morbido, quasi vellutato, ma non scivoloso. Risulta quindi particolarmente maneggevole. Inoltre, i tasti sono abbastanza silenziosi, non dovrete aver paura di disturbare i coinquilini.

Abbiamo rilevato alcuni problemi di costruzione. Questi, in combinazione con un aggiornamento complicato del firmware e un “touchpad” dove si può solo premere e non scorrere con le dita, sono gli aspetti che costato qualche punto a questo modello. Chi gioca su PS 4, dovrebbe optare per il DualShock della Sony o per l’Hori Onyx Plus.

HyperX Clutch Wireless

L’HyperX Clutch Wireless è relativamente leggero e offre una qualità costruttiva impressionante. In dotazione è incluso uno slot di espansione per fissare lo smartphone al controller. In alternativa, può essere utilizzato anche come supporto da tavolo per smartphone. La connessione wireless tramite Bluetooth o dongle USB opzionale funziona bene.

Ciò che non ci è piaciuto molto durante il test sono state le levette in plastica non rivestita, con una scarsa presa. Inoltre, l’illuminazione del LED di stato è molto intensa e non può essere regolata. Tuttavia, se vi piace la trovata del supporto, otterrete un buon controller per PC e Android.

Il test passo per passo

Abbiamo testato i controller su console con giochi come The Quarry e God of War Ragnarok. Abbiamo provato alcuni giochi anche sul PC. Abbiamo verificato la connettività di ogni controller su queste piattaforme.

Il miglior controller

Sembra più facile di quanto non sia, ma in realtà è necessario fare delle pause tra un test e l’altro per consentire alle mani di riprendersi. Queste pause di recupero sono molto importanti per poter valutare ogni prodotto singolarmente e a confronto.

Domande più frequenti

Quanto costa un buon controller?

La gamma di prezzi è molto ampia e si basa sulle esigenze individuali dei giocatori. Va da sé che più funzioni speciali ed extra si desiderano, più costoso sarà il controller. I gamepad più semplici sono disponibili a partire da 10 euro. I modelli di lusso arrivano fino a 200 euro, a volte anche di più. Potete comunque trovare un controller di buona qualità  a partire da circa 50/80 euro.

Su quali piattaforme posso giocare con un controller?

Un controller può essere usato per console come Xbox Series X/S e PlayStation 5, Xbox One, PlayStation 4, ma anche Nintendo Switch, Android, macOS, Steam, Windows e iOS. È importante prestare attenzione alle piattaforme supportate da ogni modello perché possono variare di molto.

Per quale tipo di videogioco è adatto un controller?

I controller funzionano molto bene con la maggior parte dei giochi per PC o console. Risultano adatti soprattuto per i videogiochi esclusivi di Sony o Microsoft, perché sono stati ottimizzati appositamente. Ad eccezione dei giochi strategici complessi, quasi tutti i generi sono adatti. I giochi di ruolo (d’azione), i giochi di corse, i platform e i jump and run sono particolarmente piacevoli da sperimentare con un controller.

Per quale tipo di videogioco non è adatto un controller?

I giochi di strategia e gli sparatutto (in prima persona) spesso sono più piacevoli con mouse e tastiera. Allo stesso modo, alcuni MMO/MMORPG, come WoW, possono essere giocati solo con mouse e tastiera. Altri, invece, non supportano l’uso di un controller a causa di impostazioni predefinite.

Quali vantaggi hanno controller e gamepad rispetto alla classica combinazione di mouse e tastiera?

I controller e i gamepad offrono una maggiore comodità, facilità d’uso e soprattutto mobilità.

Commenti

0 Commenti
 Test: G Logo

Sondaggio per i lettori

Aiutaci a migliorare il sito di Guidario!

Compila il nostro questionario, ci vorrà solo un minuto.

* Il questionario è in forma anonima e ha puramente scopi di mercato. Facendo clic sul pulsante acconsentirai all’elaborazione e al salvataggio dei tuoi dati. Maggiori informazioni.

197875