Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00001
test
Pubblicato:

Il miglior lavavetri

Abbiamo testato 10 lavavetri. Il migliore è il Mr. Siga Professionale mop in microfibra. Ci ha convinto per la sua spatola in gomma naturale che elimina dal vetro acqua e residui di detersivo. Inoltre è un modello davvero leggero e di qualità. Nel set è incluso un lavavetri in microfibra che trattiene lo sporco senza disperderlo sulla superficie.

Madeleine Liedke
Madeleine Liedke
è redattrice radiofonica e mamma di due bambini. È conquistata da tutto ciò che le semplifica la vita in cucina e nella cura di sé, così da poter avere più tempo per la famiglia.
Miryam Cocco
Miryam Cocco
appassionata delle lingue straniere, è laureata in Germanistica e Anglistica. Si occupa da anni di traduzioni di testi e assistenza linguistica tra il tedesco e l’italiano.
Aggiornamento informazioni

Testiamo in continuazione nuovi prodotti e revisioniamo i nostri consigli con regolarità. Vi informeremo non appena questo articolo sarà stato aggiornato.

Bisogna avere una visione chiara! Non solo per voi stessi, ma anche per le vostre finestre. Altrimenti, non appena spunta il sole, spunta anche lo sporco sulle finestre. Se volete vederci chiaro, avrete bisogno di un lavavetri. I produttori promettono risultati rapidi senza sbavature. Ma davvero i lavavetri assicurano davvero dei risultati impeccabili?

Per trovare il miglior lavavetri, abbiamo testato 10 modelli, di cui  10 ancora disponibili. Il lavavetri è un piccolo aiutante per le pulizie di casa che può essere acquistato anche a pocho prezzo. Il modello più economico nel nostro test si aggira attorno ai 10 euro. Il più costoso invece supera i 50 euro.

I nostri consigli in breve

Il migliore

Mr. Siga Professionale mop in microfibra

Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00003
Offre vetri puliti e senza strisce, il tutto ad un prezzo adeguato.

Il miglior  lavavetri in gara, il Mr. Siga Professionale mop in microfibra, dispone di tutto quello che vi serve per pulire al meglio le vostre finestre. Nel set è incluso, oltre che il lavavetri con la spatola in gomma naturale, anche una versione in microfibra. Questa raccoglie molta acqua e lava con il detergente il vetro. Il manico ergonomico potrebbe essere un po’ più lungo, ma a parte questo non abbiamo niente di cui lamentarci, nemmeno in termini di prezzo.

Per finestre grandi

Leifheit 3 in 1 Classic

Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00004
Grazie al manico telescopico estraibile, è possibile pulire finestre grandi e alte in maniera veloce

Finestre grandi? Nessun problema: il Leifheit 3 in 1 Classic le pulisce in un attimo. In dotazione troverete un lavavetri con spatola in gomma, uno in microfibra e un manico telescopico. È più costoso rispetto ad altri modelli, ma il sovrapprezzo è assolutamente giustificato. La qualità delle singole parti è ottima. La spatola in gomma è lunga 33 cm e si può usare singolarmente o con la parte in microfibra. L’unico difetto è che il lavavetri in microfibra è molto pesante rispetto agli altri modelli.

Conveniente

Amazon Basics DS2941-S

Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00005
Grazie alla testa roteabile di 180 gradi e al manico telescopico estraibile, anche gli angoli più irraggiungibili di una finestra vengono puliti senza problemi.

Il lavavetri Amazon Basics DS2941-S fa quello che deve ed è anche economico, ma purtroppo è utile davvero solo con  finestre di piccole dimensioni. La spatola in gomma è di 25 cm e asciuga l’acqua senza lasciare residui sul vetro. Comoda è anche la parte della testa, rotabile di 180 gradi, permettendo così di raggiungere angoli più scomodi della finestra. La parte in microfibra non ci è apparsa di ottima qualità, tuttavia pulisce lo sporco in maniera affidabile. L’asta telescopica è in alluminio e si può allungare partendo da 66 cm, fino a 96 cm.

Se i soldi non contano

Unger Set lavavetri

Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00006
Un set per la pulizia dei vetri che non lascia nulla a desiderare. È incluso un cestello per raccogliere l'acqua, un supporto per il lavavetri stesso e impugnature di forma ergonomica.

Il modello Unger NA450 ErgoTec Ninja lavavetri è il più costoso del test, ma anche quello con più componenti. Il secchio incluso ha una capacità di 18 litri ed è possibile agganciarvi un supporto per il lavavetri e un filtro per far sgocciolare l’acqua. C’è anche un “colino” per l’acqua in eccesso del lavavetri in microfibra. La spatola di gomma è di 35 cm ed è ottima per le finestre più grandi. Questa è facilmente rimovibile con un pulsante. La qualità della microfibra è davvero buona e i manici sono ergonomici.

Tabella di confronto

Il migliore Mr. Siga Professionale mop in microfibra
Per finestre grandiLeifheit 3 in 1 Classic
Se i soldi non contanoUnger Set lavavetri
ConvenienteAmazon Basics DS2941-S
Unger NA450 ErgoTec Ninja lavavetri
Pearl Lavavetri 2 in1
FenWi Lavavetri professionale combi
Genius A15010
Vileda 123400
Sichler NX3803-944
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00003
  • Economico
  • Buona pulizia
  • Spatola in gomma naturale
  • Leggero
  • Idoneo per piccole finestre
  • Il manico potrebbe essere più lungo
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00004
  • Manico estraibile
  • Ideale per grandi finestre
  • Spesso lavavetri in microfibra
  • Costo
  • Il lavavetri in microfibra è pesante
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00006
  • Numerosi accessori
  • Buon rapporto qualità prezzo
  • Indicazioni di utilizzo semplici
  • La testa ruota di 180 gradi
  • Costo
  • Il lavavetri in microfibra se non strizzato bene, gocciola
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00005
  • Pulizia senza strisce
  • Il manico telescopico rotabile di 180 gradi, da i 66 cm si può estrarre fino a 96 cm
  • L'asta telescopica con una
  • forte pressione rientra dentro
  • Non è l'ideale per finestre grandi
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00007
  • Lavavetri in microfibra di grandi dimensioni
  • È presente solo il lavavetri in microfibra
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00008
  • Economico
  • Ideale per finestre di piccole dimensioni e vetri dell'auto
  • L'asta telescopica con una forte pressione rientra
  • Resta sempre dell'acqua al suo passaggio
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00009
  • Lavavetri con rivestimento
  • Impugnatura ergonomica
  • Lavorazione di alta qualità
  • Spatola in gomma di ricambio e adattatore per asta telescopica inclusi
  • Costo
  • Molto pesante
  • Leggero strato di acqua sul vetro
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00010
  • Numerosi componenti
  • Spatola in silicone ampia
  • Ideale anche per piastrelle
  • Restano strisce di acqua
  • La funzione sgocciolamento non convince
  • Costo
  • Molto pesante
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00011
  • Spatola in gomma naturale
  • La spatola e la parte in microfibra possono essere utilizzati singolarmente o assieme
  • La spatola non è particolarmente larga
  • La lavorazione potrebbe essere migliore
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00012
  • Economico
  • Asta telescopica allungabile
  • Giunto regolabile per pulire gli angoli delle finestre più difficili da raggiungere
  • Risultati di pulizia
  • L'asta telescopica con una forte pressione rientra
Mostra dettagli prodotto

Vista cristallina: i lavavetri nel test

Lavare i vetri non è un compito complicato, ma sicuramente è poco apprezzato. Abbiamo raccolto alcuni consigli per voi per una pulizia corretta delle finestre. Prima di tutto coprite il pavimento sotto la finestra che volete lavare per evitare di far cadere acqua sporca sul pavimento.

È opportuno dare una pulita con uno scopettino sulla parte esterna del vetro e sul telaio, così da eliminare probabili ragnatele e polvere accumulata. Prima dei vetri è consigliabile lavare il telaio, essendo una parte particolarmente sporca. Potete farlo con uno straccio, una spugna o con il lavavetri in microfibra.

Una volta arrivato il turno dei vetri, dovreste fare una prima passata con acqua e detersivo e asciugare con uno straccio o il panno in microfibra. Solo a questo punto si può prendere il lavavetri con la spatola. Il movimento è sempre dall’alto verso il basso, creando come dei binari che si sovrappongono leggermente. Dopo ogni movimento potete asciugare con un panno di cotone la spatola di gomma. Se preferite potete passare nuovamente sul vetro un panno in pelle, anche se con un buon lavavetri non sarà necessario. Solo infine potete asciugare il telaio.

Qual è il momento ideale per pulire le finestre?

Di certo non ha senso pulire le finestre quando piove.Tuttavia è sconsigliato anche quando c’è troppo sole in quanto si rischia che la soluzione detergente si asciughi velocemente sul vetro lasciando delle macchie.

Pulire le finestre in una giornata asciutta, ma non troppo soleggiata

Il momento migliore per pulire le finestre è durante una giornata poco soleggiata e senza pioggia, con temperature medie.In caso di troppo caldo o troppo freddo, si rischia di lasciare degli aloni sul vetro.

Quale detergente utilizzare per evitare degli aloni?

La maggior parte dei professionisti pulisce i vetri con una miscela di concentrato per vetri e acqua o un goccio di detersivo per piatti senza profumo. Questa soluzione è l’ideale per vetri molto sporchi. Il detersivo elimina la polvere e eventuali escrementi uccelli dalle finestre. Molti, invece, preferiscono il classico igienizzante per vetri.

Chi desidera può persino versare nell’acqua qualche goccia di alcool puro. Questo velocizza l’asciugatura e previene gli aloni. Spesso i vetri mostrano anche macchie di calcare, che possono essere eliminate correggendo l’acqua con dell’aceto.

Chi non ha invece voglia di pulire frequentemente le finestre, può aggiungere all’acqua della glicerina. Questa fa si che lo sporco non si attacchi facilmente al vetro. Per i vetri colorati si può usare invece un mix di acqua, aceto o acido citrico. Molto amato è anche il brillantante che mantiene pulite le finestre più a lungo. Lo sporco non si attacca e l’acqua piovana scivola via.

A cosa fare attenzione prima dell’acquisto?

Chi intende acquistare un lavavetri deve prestare particolare attenzione ai materiali e alla qualità di lavorazione. La spatola in gomma deve essere di qualità e non troppo sottile. Se può essere sostituita è ancor meglio. Se avete poi finestre difficili da lavare, dovrete optare per un modello con un’asta telescopica. Se proprio volete raggiungere ogni angolo della superficie, cercate un lavavetri con la testina rotabile.

Molto importante è anche il peso e l’ergonomia. Il piccolo aiutante deve essere leggero e stare bene in mano. Tanto più è leggero un lavavetri meglio è, anche perché si hanno diverse finestre da pulire e a lungo andare anche una minima differenza di peso può essere rilevante. Per questo vi consigliamo l’acquisto modelli che non superino i 300 grammi.

Un buon lavavetri non dovrebbe occupare molto spazio e anche il montaggio dovrebbe essere veloce e semplice. Se optate per un lavavetri con un rivestimento in microfibra, farete sicuramente un affare, così potrete anche pulire il telaio attorno al vetro.

Il migliore:  Mr. Siga Professionale mop in microfibra

Se volete avere delle finestre pulite, con il Mr. Siga Professionale mop in microfibra non dovrete spendere tanto. Non arriva alla qualità dell’Unger Set lavavetri, ma i risultati di pulizia sono davvero ottimali. Particolarmente piacevole è il fatto che pesi solo 80 grammi. La spatola è in gomma naturale e tira via l’acqua dalla finestra senza lasciare traccia sulla superficie. Visto che le dimensioni sono di soli 25 centimetri, è ideale per finestre piccole, la cabina doccia e i vetri dell’auto.

Il migliore
Mr. Siga Professionale mop in microfibra
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00003
Offre vetri puliti e senza strisce, il tutto ad un prezzo adeguato.

Se usate questo lavavetri per le finestre di casa, allora vi troverete a dover fare diverse passate. Incluso nella confezione vi è anche la versione in microfibra, il cui rivestimento ricopre l’intera spatola. Questa può essere usata separatamente e tira e asciuga un notevole quantitativo di acqua, in più distribuisce il detergente in modo uniforme. Con il suo spessore riesce anche a pulire direttamente il telaio della finestra. La comodità di questo panno è che può essere rimosso dalla struttura e lavato in lavatrice.

1 di 4
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00013
Il lavavetri in microfibra cattura molto sporco e aspira tanta acqua.
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00014
La spatola in gomma naturale.
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00015
Le finestre di piccole dimensioni vengono pulite senza segno di aloni.
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00016
I manici ergonomici potrebbero essere più lunghi.

Un set semplice e ad un buon prezzo: ecco perché il Mr. Siga Professionale mop in microfibra è il miglior lavavetri in commercio.

E i contro?

Il set presenta dei manici ergonomici ma troppo corti e quindi un po’ scomodi da impugnare. In effetti troviamo delle differenze a tal proposito con i modelli consigliati tra le alternative. Se avete bisogno di un manico più lungo dovrete ingegnarvi, visto che il produttore non offre una soluzione. Tuttavia può essere usata qualsiasi asta che può essere avvitata.

Alternative

Se il Mr. Siga Professionale mop in microfibra non vi ha convinto e siete alla ricerca di un lavavetri per finestre più grandi, di seguito trovate i modelli alternativi da noi consigliati.

Per finestre grandi: Leifheit 3 in 1 Classic

Chi ha finestre molto grandi e vuole risparmiare tempo per pulirle, di certo deve scegliere un lavavetri come il Leifheit 3 in 1 Classic. È un modello piuttosto costoso, ma la spesa vale il prodotto. Il lavavetri può essere sia usato a mano che con l’asta telescopica. La spatola in gomma è lunga 33 cm ed è perfetta per pulire velocemente finestre dalle dimensioni più grandi.

Per finestre grandi
Leifheit 3 in 1 Classic
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00004
Grazie al manico telescopico estraibile, è possibile pulire finestre grandi e alte in maniera veloce

La finestre più alte non sono un problema, perché all’evenienza si può inserire nel manico del lavavetri l’asta telescopica. Questa è allungabile fino a 155 cm. Nel test abbiamo notato che l’asta risulta particolarmente comoda da tenere in mano, grazie anche al rivestimento in gomma.

1 di 7
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00017
La spatola in gomma è di 33 cm.
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00018
Il lavavetri può essere usato da solo...
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00019
... o anche con il panno in microfibra.
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00020
L'asta telescopica parte dai 90 cm...
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00021
fino ad arrivare a 155 cm.
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00022
Il rivestimento è in microfibra...
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00023
... e cattura per bene lo sporco.

Il lavavetri in microfibra è composto da un doppio strato di fibra, così da raccogliere ancora più sporco. Tuttavia occorre maggiore forza in quanto la spatola non poggia immediatamente sul vetro. Ma una volta divenuti pratici, non potrete farne a meno. Per limitare l’ingombro i vari pezzi possono essere incastrati uno dentro l’altro.

Se i soldi non contano: Unger set lavavetri

L’Unger Set lavavetri si rivolge principalmente ai professionisti. L’intero prodotto è ben studiato e progettato per pulire i vetri delle finestre in modo rapido e semplice, senza gocciolare dappertutto. Ogni cosa ha il suo prezzo, infatti questo è il modello più costoso del test.

Se i soldi non contano
Unger Set lavavetri
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00006
Un set per la pulizia dei vetri che non lascia nulla a desiderare. È incluso un cestello per raccogliere l'acqua, un supporto per il lavavetri stesso e impugnature di forma ergonomica.

Nel set è presente un secchio con 18 litri di capacità. Qui possono essere agganciati un supporto per il lavavetri e un setaccio che permette al lavavetri in microfibra di gocciolare. Il lavavetri è costituito da un rivestimento spesso in microfibra. Il tessuto si impregna di detergente, permettendo così di lavare il vetro senza particolare fatica. Secondo il produttore questo modello assorbe il 20% in più di acqua rispetto agli altri prodotti. Per non farlo gocciolare si può passare il lavavetri in microfibra sull’apposita griglia agganciata al secchio.

1 di 6
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00024
Il lavavetri in microfibra assolbe molta acqua e cattura per bene lo sporco.
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00025
Grazie al suo spessore, pulisce direttamente anche il telaio delle finestre.
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00026
È possibile agganciare al secchio un elemento per far sgocciolare il lavavetri.
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00027
Questo elemento permette al lavavetri in microfibra di rilasciare l'acqua in eccesso.
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00028
Il lavavetri in gomma tira via l'acqua senza lasciare strisce sul vetro.
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00029
Il set ha numerosi componenti.

Grazie alla microfibra potrete catturare ogni tipo di sporco e polvere. La spatola in gomma è lunga 35 cm ed è l’ideale per le finestre più grandi. Se necessario con un bottone potrete estrarre la spatola e cambiarla. Il risultato di pulizia è ottimo, nessun alone o striscia rimanente sul vetro, i manici sono ergonomici e si impugnano bene. Non c’è rischio di procurarsi vesciche durante l’utilizzo dell’Unger Set lavavetri.

Conveniente: Amazon Basics DS2941-S

Il lavavetri Amazon Basics DS2941-S è perfetto per le finestre più piccole e ci ha convinto per il suo design. Anche quegli angoli più difficili da raggiungere non saranno più un problema. La parte della testa è rotabile di 180 gradi. Tramite un pulsante è possibile posizionare la spatola in gomma e la parte in microfibra come più si desidera. I telai piuttosto sporchi delle finestre avranno quel che si meritano! La spatola in gomma di 25 cm rimuove la miscela di acqua e detergente senza fatica. Non abbiamo trovato strisce o aloni sulla finestra dopo la pulizia.

Conveniente
Amazon Basics DS2941-S
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00005
Grazie alla testa roteabile di 180 gradi e al manico telescopico estraibile, anche gli angoli più irraggiungibili di una finestra vengono puliti senza problemi.

Il lavavetri in microfibra è costituito da un tessuto piuttosto sottile. Di certo non è paragonabile a quello del Leifheit 3 in 1 Classic, ma fa comunque un ottimo lavoro. Occorre solo apportare maggiore forza durante il processo di pulizia, ma non dovrebbe essere un problema considerando il prezzo di acquisto decisamente basso.

1 di 5
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00030
Il lavavetri è rivestito in microfibra su entrambi i lati.
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00031
La testina rotabile di 180 gradi raggiunge ogni angolo.
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00032
Il lavavetri è venduto con un'asta telescopica.
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00033
L'acqua utilizzata viene tirata via senza residui.
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00034
Un lavavetri per finestre difficili da raggiungere.

L’Amazon Basics DS2941-S ha un peso di 413 grammi inclusa l’asta telescopica. Non è un peso ideale, ma durante l’uso non è risultato particolarmente pesante. L’asta in alluminio ha una lunghezza che va dai 66 cm ai 96 cm, riuscendo così a pulire anche quelle finestre più alte. Se si fa troppa pressione purtroppo l’asta potrebbe rientrare e interrompere così la pulizia, ma dopotutto non tutte le finestre necessitano di un’asta per essere pulite. A differenza del modello di Leifheit 3 in 1 Classic, l’asta in alluminio non si impugna proprio al meglio. In questo caso manca un rivestimento in gomma. Speriamo che il produttore provveda ad effettuare dei miglioramenti, ma a parte queste piccole mancanze consigliamo questo prodotto per il suo rapporto qualità/prezzo.

La concorrenza

Vileda 123400

Il Vileda 123400 viene venduto con un lavavetri in gomma e uno in microfibra che possono essere incastrati tra loro per risparmiare spazio. Il prodotto è composta da plastica e allumino e la qualità di lavorazione potrebbe essere migliore, a differenza della spatola in gomma naturale che è ben fatta. Anche la microfibra usata è di buona qualità. Purtroppo il risultato non ci ha convinto pienamente in quanto restano delle strisce sul vetro. Se necessario potete acquistare separatamente un’asta telescopica e ulteriori panni in microfibra oppure mettere in lavatrice quello che già si ha.

Genius A15010

Il Genius A15010 ha numerosi accessori, ma la qualità del risultato di pulizia è scarsa. In dotazione è presente una testina con una spatola in silicone di 30 cm, due manici, un lavavetri in microfibra e un contenitore. Il design è ben pensato, in quanto il lavavetri in silicone presenta sotto la spatola un piccolo raccoglitore per l’acqua sporca. Purtroppo però la riuscita non soddisfa le aspettative. L’acqua schizza via ovunque. La spatola in silicone inoltre è idonea giusto per pulire le piastrelle senza lasciare strisce. Il lavavetri in microfibra riesce nel suo scopo solo se si fa particolarmente forza. Anche il prezzo per noi è troppo costoso.

Pearl Lavavetri 2 in1

Il Pearl Lavavetri 2 in1 ha integrato con la spatola anche una spugna, invece del classico rivestimento in microfibra. La spugna è rivestita con una retina che fa si che il grosso dello sporco venga subito rimosso dal vetro. È una buona idea questa e funziona anche bene, ma per quanto riguarda il compito della spatola, non siamo soddisfatti del risultato. La spatola ha una lunghezza di 20 cm e pesa in totale 180 grammi. È presente anche un’asta telescopica, ma che sembra più un giocattolo. Ecco perché non è rientrato tra i nostri consigli.

Il test passo per passo

Per il test pratico abbiamo utilizzato delle finestre che non venivano lavate da più di sei mesi. Erano sporche e con diverse macchie di calcare. Abbiamo testato i vari lavavetri su finestre di dicerse dimensioni, così da potervi offrire un buon feedback.

Prima di mettere in azione i lavavetri, li abbiamo osservati più da vicino. I fatto da esaminare sono stati: la qualità di lavorazione, il materiale di utilizzo, quanto fosse ergonomico il manico, il peso, quali e quanti accessori fossero inclusi nella confezione, la presenza o meno di un’asta telescopica e il materiale del lavavetri in microfibra.

1 di 3
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00035
Alcuni dei lavavetri da noi testati.
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00036
Lavavetri presenti nel nostro test.
Il miglior lavavetri Test: Lavavetri 00037
Lavavetri presenti nel nostro test.

Dopo aver dato una risposta ai vari punti iniziali, siamo passati all’azione. Per la pulizia dei vetri abbiamo usato una miscela di acqua e soluzione per vetri. Se il modello esaminato aveva un lavavetri in microfibra abbiamo prima usato questo per passare il liquido sul vetro. Per noi era importante che lo sporco presente non richiedesse particolare sforzo per essere rimosso. Alcune volte ha funzionato. Nel caso in cui non era presente il lavavetri in microfibra, abbiamo utilizzato al suo posto un semplice straccio.

Nella seconda fase del test pratico abbiamo usato il lavavetri con la spatola, facendo diverse passate sul vetro. A questo punto abbiamo esaminato il risultato. Le finestre erano davvero pulite e senza strisce residue? È stato importante per noi anche capire quanto si impugnava bene il lavavetri. Qualora la testina fosse rotabile, abbiamo osservato quanto fosse comodo raggiungere e pulire gli angoli più difficili.

Domande più frequenti

Qual è il miglior lavavetri?

Il miglior lavavetri a nostro avviso è il Mr. Siga Professionale mop in microfibra. La sua spatola è in gomma naturale e non lascia strisce. È leggero e conveniente. Nel set è incluso anche un lavavetri in microfibra per lo sporco più ostinato.

Quanto dovrebbe pesare un lavavetri?

Chi vuole acquistare un nuovo lavavetri dovrebbe fare attenzione al peso. Tanto più è leggero un tale strumento meglio è. Di solito non si lava solo una finestra, ma diverse e quindi può diventare pesante se lo si utilizza a lungo. Ecco perché consigliamo un modello che non sia più pesante di 300 grammi.

In cosa consiste un lavavetri in microfibra?

Se si vogliono avere finestre pulite senza strisce, occorre dapprima pulire la finestra. Di solito questa operazione si esegue con uno straccio o con il cosiddetto lavavetri in microfibra. Questo viene immerso nel secchio con acqua e detergente per poi essere passato sul vetro sporco. Nel fare questa operazione, cattura tutto lo sporco presente.

Bisogna pulire le finestre con acqua calda o fredda?

L’acqua fredda è più idonea per pulire le finstre. Richiede più tempo per asciugarsi e quindi si ha più tempo per passarci sopra con il lavavetri. In più restano sulla superficie meno strisce e macchie di acqua.

Commenti

0 Commenti
 Test: G Logo

Sondaggio per i lettori

Aiutaci a migliorare il sito di Guidario!

Compila il nostro questionario, ci vorrà solo un minuto.

* Il questionario è in forma anonima e ha puramente scopi di mercato. Facendo clic sul pulsante acconsentirai all’elaborazione e al salvataggio dei tuoi dati. Maggiori informazioni.

197875