La miglior radio digitale Test: Digitalradio Stationaer E1606474
test
Pubblicato:

La miglior radio digitale

Abbiamo testato 35 radio digitali. La migliore per noi da usare in casa è la Technisat Digitradio 4.  Ha un’eccellente copertura per i canali DAB+ e FM e riproduce un suono davvero buono. Si può inoltre anche collegare allo smartphone tramite Bluetooth. Come radio portatile, invece, è la Lenco PDR-050 ha superare tutte. È leggera, compatta e ben fornita e grazie alla sua batteria inclusa dura per diverse ore.

Thomas Johannsen
Thomas Johannsen
durante la formazione come tecnico radiotelevisivo, ha scoperto la sua passione per i test, che scrive ormai da più di 20 anni. Scrive per diverse riviste online di tecnologia, come hifitest.de, av-magazin.de, Heimkino, HIFI.DE e d-pixx.
Miryam Cocco
Miryam Cocco
appassionata delle lingue straniere, è laureata in Germanistica e Anglistica. Si occupa da anni di traduzioni di testi e assistenza linguistica tra il tedesco e l’italiano.
Aggiornamento informazioni

Testiamo in continuazione nuovi prodotti e revisioniamo i nostri consigli con regolarità. Vi informeremo non appena questo articolo sarà stato aggiornato.

Dagli anni ’30 la radio si è intrufolata in ogni casa ed è difficile ormai pensare di farne a meno. Se consideriamo il giornale come fosse un hardware, allora la radio può essere intesa come primo mezzo d’informazione basato su un software. Che sia in salotto, in cucina, come radiosveglia o come radio portatile, questo mix di informazione e intrattenimento diretto e immediato è diventato da tempo parte della nostra cultura.

Nonostante tutte le prognosi pessimistiche come nel video “radio star”, la radio non è morta, anzi, è più viva e presente che mai. Si è persino diversificata e non soffre della presenza del televisore. La radio è riuscita a fare ciò che pochi altri media hanno fatto fino ad ora. Non solo rende accessibile informazioni da tutto il mondo, ma offre anche una variegata scelta tra intrattenimento e informazione regionale.

Da FM a DAB+

Quasi nessuno ricorda la qualità sonora piuttosto modesta delle prime trasmissioni radio, ma già alla fine degli anni ’40, i trasmettitori VHF entrarono in funzione in Italia e, grazie alla tecnologia FM, furono in grado di offrire un salto di qualità rispetto alle onde medie e corte che erano state comuni fino ad allora. Inoltre, era divenuto tecnicamente possibile trasmettere il programma radiofonico in stereo e con una qualità del suono notevolmente migliorata. Il rumore e altri disturbi erano significativamente più bassi.

DAB+ è il nuovo FM

Per molto tempo questo era lo stato della tecnologia, fino a quando, dopo i faticosi inizi nei primi anni 2000 con il DAB, o DAB+, il digitale si è gradualmente fatto strada nella radio. Abbiamo così assistito ad un ulteriore salto di qualità con una contemporanea riduzione del rumore di fondo. A medio termine, tutti i sistemi di trasmissione esistenti dovevano essere convertiti allo standard digitale, motivo per cui, apparecchi radio che possono ricevere solo stazioni analogiche nelle bande di frequenza FM, MF e LF non possono più essere venduti.

Questo è un vantaggio a favore della radio via internet, e ancor più per il progetto DAB+. Questa tipologia di trasmissione per la ricezione DAB avviene attraverso un segnale digitale, ed è un’alternativa al classico segnale analogico delle radio FM. Questo significa che DAB+ può contare su infrastrutture in gran parte esistenti e, soprattutto, ampiamente sviluppate e non dipende dalla copertura di rete via LTE o cavo, che è nota per essere un po’ discontinua.

L’infrastruttura DAB+ è meno influenzata su larga scala dai guasti della rete mobile, che si verificano sempre più frequentemente. Inoltre, DAB+ non consuma un minor volume di dati. Dopo tutto, a seconda della qualità della trasmissione, si consumano circa 50 megabyte per ogni ora di utilizzo della radio via internet. Per coloro che hanno un contratto LTE con un volume di dati fisso, una radio digitale+ è l’opzione migliore.

Quali stazioni posso ricevere e dove?

La maggior parte dei programmi radiofonici che si possono ricevere sono coperti dalle stazioni regionali, quindi in questo senso poco è cambiato rispetto ai tempi della ricezione radiofonica FM. Tuttavia a livello nazionale, c’è un numero crescente di stazioni ricevibili, così che nella maggior parte dei luoghi si possono ricevere almeno 20 programmi, spesso anche di più.

La miglior radio digitale Test: Radio

La miglior radio digitale per casa

Che sia in cucina, in soggiorno o anche in bagno o in camera da letto, non è raro avere più di una radio in casa. Anche se ora ci sono sistemi multi-room per la musica in tutta la casa, la buona vecchia radio è ben lontana dall’essere superata.

La maggior parte delle volte si trova in cucina e viene accesa la mattina mentre si fa il caffè. Abbiamo esaminato 15 dispositivi posizionati in modo piuttosto fisso in casa e li abbiamo testati in dettaglio per voi.

I nostri consigli in breve

La migliore

Technisat Digitradio 4

Test La miglior radio digitale: Technisat Digitradio 4
Ben fornita. Offre und buon suono ad un ottimo prezzo.

La Technisat Digitradio 4 corrisponde in gran parte alla classica radio da cucina, ha un ingresso AUX analogico oltre a DAB+ e FM, e se si vuole, si collega allo smartphone via Bluetooth. Il funzionamento rimane semplice e grazie alla collaborazione con gli esperti audio di Elac, questa radio digitale offre un suono eccellente.

Se i soldi non contano

Sangean DDR-47BT

Test La miglior radio digitale: Sangean DDR-47BT
È sul mercato da un po' di tempo, eppure il prezzo non è quasi mai sceso, e giustamente.

Il Sangean DDR-47BT è già sul mercato da qualche anno, ma non ha perso nulla del suo fascino. Oltre a DAB+, FM e Bluetooth, la radio digitale può anche riprodurre CD. C’è uno slot sul retro per schede SD, il che significa che il Sangean va ben oltre le opzioni di riproduzione della maggior parte dei concorrenti. Il funzionamento avviene tramite pulsanti a sensore, quindi il pannello di controllo ha una superficie uniforme e facile da pulire. Dal punto di vista sonoro, il Sangean è molto avanti, ma questa qualità si fa pagare.

Prezzo consigliato

Albrecht DR 884

Test La miglior radio digitale: Albrecht DR 884
Buon suono, ottima finitura e offre l'accesso alla radio Internet oltre che a DAB+ e FM.

L’Albrecht DR 884 sembra più costosa di quanto non sia. Ciò è dovuto anche all’ottima fattura dei materiali di alta qualità. Oltre a DAB+ e FM, la radio digitale di Albrecht riceve anche molte stazioni via Internet grazie alla WiFi integrata. In termini di suono, è impeccabile, anche grazie alla sua struttura solida. I comandi sono raggiungibili solo dall’alto offrendo quindi molta comodità.

Facile da usare

Technisat DIGITRADIO 3 Voice

Test La miglior radio digitale: Technisat DIGITRADIO 3 Voice
Riproduce CD, DAB+ e FM e le funzioni di base possono essere controllate tramite comando vocale.

Come suggerisce il nome, la DIGITRADIO 3 Voice può essere azionata a voce. A differenza dei ben noti assistenti vocali come Siri, Alexa e altri, il sistema di Technisat non richiede l’accesso a Internet. Anche se si deve fare a meno delle informazioni basate sul web come le previsioni del tempo e le notizie, la radio digitale può essere utilizzata senza problemi su richiesta e senza Internet. Grazie alla collaborazione con gli esperti audio di Elac, la radio digitale offre un suono eccellente.

Per impianto stereo

Albrecht DR 50 B

Test La miglior radio digitale: Albrecht DR 50 B
Il dispositivo perfetto se vuoi migliorare il tuo sistema hi-fi. Oltre alla ricezione DAB+, c'è anche un'interfaccia Bluetooth.

Se volete modernizzare il vostro impianto hi-fi con il DAB+, l’Albrecht DR 50 B, propone con la radio digitale un collegamento Bluetooth. Il piccolo dispositivo occupa pochissimo spazio e può essere collegato direttamente attraverso l’ingresso di un jack. Grazie all’antenna a cavo, la speciale radio digitale offre una perfetta ricezione DAB+ e può essere facilmente controllata tramite il telecomando. Per pochi soldi, si aggiungono al sistema stereo due ulteriori sorgenti digitali.

Tabella di confronto

La miglioreTechnisat Digitradio 4
Se i soldi non contanoSangean DDR-47BT
Prezzo consigliatoAlbrecht DR 884
Facile da usareTechnisat DIGITRADIO 3 Voice
Per impianto stereoAlbrecht DR 50 B
Hama DR1000DE
Panasonic RF-D100BT
Technisat Digitradio 3
Xoro DAB 700 IR
Lenco DAR-030
Lenco DAR-012TP
Auna Silverstar CD DAB
Albrecht DR 790 CD
Test La miglior radio digitale: Technisat Digitradio 4
  • Ottimo suono
  • Controllo di gestione molto semplice
  • Presa per cuffie frontale
  • Senza telecomando
Test La miglior radio digitale: Sangean DDR-47BT
  • Suono molto buono
  • Lavorazione di qualità
  • Unità CD e fessura per schede SD incluse
  • Registrazione su chiavetta USB e scheda SD possibile
  • Tasti operativi multipli: la gestione è un po' confusa
Test La miglior radio digitale: Albrecht DR 884
  • Buon suono
  • Ben fornita
  • Alimentazione interna
  • Buona lavorazione
Test La miglior radio digitale: Technisat DIGITRADIO 3 Voice
  • Suono molto buono
  • Unità CD integrata
  • Display a colori ad alta risoluzione
  • Controllo vocale senza connessione internet
  • Istruzioni in Braille allegate
Test La miglior radio digitale: Albrecht DR 50 B
  • Display a colori molto buono
  • Con telecomando
  • Bluetooth incluso
Test La miglior radio digitale: Hama DR1000DE
  • Buon suono
  • Gestione semplice
  • Senza Bluetooth
Test La miglior radio digitale: Panasonic RF-D100BT
  • Buon suono
  • Buona lavorazione
  • Funzionamento a pile possibile
  • Dimensioni compatte
Test La miglior radio digitale: Technisat Digitradio 3
  • Buon suono
  • Unità CD integrata
  • Attacco cuffie nella parte frontale
Test La miglior radio digitale: Xoro DAB 700 IR
  • Buon suono
  • Numerose caratteristiche aggiuntive
  • Radio via Internet integrata
  • Telecomando piccolo e complicato
Test La miglior radio digitale: Lenco DAR-030
  • Buon suono
  • Dimensioni compatte
  • Telecomando incluso
  • Conveniente
  • Nessun ingresso analogico
Test La miglior radio digitale: Lenco DAR-012TP
  • Design retrò
  • Buon suono
  • Debolezze nella lavorazione del dispositivo
Test La miglior radio digitale: Auna Silverstar CD DAB
  • Buon suono
  • Unità CD integrata
  • Tutte le porte di connessione sul retro
Test La miglior radio digitale: Albrecht DR 790 CD
  • Design retrò particolare
  • Buon suono
  • Unità CD integrata
  • Debolezza nella ricezione DAB+
Mostra dettagli prodotto
La miglior radio digitale Test: Technisat Digitradio4
Digitradio 4 acquistabile in nero e bianco.

La migliore: TechniSat Digitradio 4

La Technisat Digitradio 4 propone secondo noi la migliore radio digitale presente sul mercato. Qualità come la semplice gestione, l’ottima ricezione e l’eccellente suono le hanno fatto vincere il primo posto sul nostro podio. Inoltre, non da meno è il suo prezzo accessibile, nonostante la qualità sia made in Germany.

La TechniSat Digitradio 4 è acquistabile sia in nero, come il modello da noi testato, che in bianco. Entrambe le versioni presentano il pannello di controllo in alluminio satinato nella parte superiore del dispositivo.

La migliore
Technisat Digitradio 4
Test La miglior radio digitale: Technisat Digitradio 4
Ben fornita. Offre und buon suono ad un ottimo prezzo.

Il display è piuttosto piccolo per un dispositivo così grande. Ci sono semplicemente due righe e la scritta è monocromatica. Chi le preferisce di un altro colore, può scegliere la versione Digitradio 4C. Questa, oltre al display colorato ha a disposizione anche un telecomando. Il tutto a soli pochi euro in più.

Gestione e componenti

Nonostante tutte le novità, ci si abitua facilmente al display. Per impostare il dispositivo tocca comunque lavorare proprio attraverso il menu. Questo è più che sufficiente per le funzioni necessarie. Ci sono quattro tasti per le stazioni radio che possono anche essere salvate a propria preferenza.

La ricezione della Digitradio 4 nella zona dove abbiamo effettuato il test, è stata molto stabile. Siamo stati capaci di sintonizzarci sulle 26 attuali stazioni DAB+ senza problemi ( ricordiamo che il test è stato effettuato in Germania). La sintonizzazione automatica dei canali è durata circa un minuto, e si è ottenuta una lista di tutti quelli disponibili, da cui è stato possibile salvarne quattro.

1 di 2
La miglior radio digitale Test: Technisat Digitradio4 1
Il pannello di controllo ben organizzato è fatto di alluminio satinato, e il jack per le cuffie si trova nella parte anteriore.
La miglior radio digitale Test: Technisat Digitradio4 Retro
Nella parte posteriore, oltre alle porte di connessione, si possono vedere le due aperture del bass reflex. Elac è responsabile del suono.

Insieme ai tasti di memoria e al display è presente anche l’ingresso per le cuffie, cosa piuttosto rara, infatti nel test questa opzione l’abbiamo trovata solo sulla Digitradio 4 e Digitradio 3. In tutti gli altri modelli è posizionata invece sulla parte posteriore. Ci è un pò dispiaciuto che i tasti di memoria di colore nero, su sfondo nero siano difficilmente riconoscibili. Riteniamo sarebbe stato meglio posizionarli sulla parte superiore o per lo meno renderli più definiti.

Sul retro si trovano l’ingresso analogico AUX e anche una porta USB che è utile nel caso in cui si necessiti di assistenza. La connessione via Bluetooth per ascoltare musica via Smartphone non da segni di disturbo ed è semplice da impostare. Per tale procedura occorre partire dal menù, andare sulla pagina Bluetooth e da qui avviare facilmente l’accoppiamento dei dispositivi. Il telecomando presente nella Digitradio3 offrirebbe un buon supporto, ma richiederebbe una spesa maggiore.

Test d’ascolto

Durante il test d’ascolto eravamo piuttosto curiosi di scoprire quanto efficiente fosse stata la collaborazione tra TechniSat e lo specialista dell’audio Elac. Viste le dimensioni piuttosto limitate del dispositivo Digitradio 4 non c’era logicamente tanto da aspettarsi, almeno per quanto riguarda i bassi, che sappiamo hanno bisogno di spazio per manifestare la loro potenza di suono. La maggior parte dei produttori tendono ad aumentare i livelli massimi dei toni bassi, così da far risuonare tutta la loro gamma in modo più pieno e corposo.

Questo però non accade con la Digitradio 4. Qui gli specialisti del suono di Elac hanno fatto davvero un buon lavoro e hanno puntato alla precisione del suono piuttosto che alla potenza. Nell’impostazione neutra dell’equalizzatore non ci sono strascichi né rumori metallici, tranne nel caso in cui, forse, ci fosse  al di sotto del piano d’appoggio, il cassetto delle posate.

I bassi si possono comunque regolare e aumentare. Fino ad un livello del suono giusto per una stanza, la riproduzione non è distorta. Superata tale soglia però, si sente un certo tremore e instabilità sonora. È impressionante la riproduzione della base stereo, e di come la Digitradio 4 riesca a trasmettere un tale suono nonostante la vicinanza degli altoparlanti tra di loro.

Anche la comprensione vocale è stata sempre molto buona, così che raramente fosse richiesto l’uso dell’equalizzatore incorporato. Possiamo dire apertamente che la TechniSat ha portato il suo know-how audio al posto giusto.

E i contro?

Gli svantaggi della Digitradio 4 si riferiscono principalmente al confort di gestione del dispositivo. Alcuni di voi potrebbero sentire la mancanza di un telecomando, in quanto questa radio digitale può essere controllata solo direttamente dalla base. Il display inoltre è monocolore e poco informativo. Chi  desidera di più sotto questo aspetto, per qualche euro di differenza può optare per la versione TechniSat Digitradio 4C. Questa può essere intesa come un update della semplice Digitradio 4 : infatti presenta il telecomando e un display a colori.

Alternative

Se desiderate dei dispositivi diversi, sia per caratteristiche tecniche, che per design e prezzo, continuate pure a leggere i nostri consigli.

Se i soldi non contano: Sangean DDR-47BT

Con la DDR-47BT, Sangean ha tra le mani un successo di lunga durata, e questo non è certo dovuto solo al design. Fogli di legno in combinazione con una sezione frontale grigia conferiscono al modello un aspetto accattivante. Questa radio digitale ha anche molto da offrire sotto altri aspetti, il che giustifica un prezzo davvero alto.

Se i soldi non contano
Sangean DDR-47BT
Test La miglior radio digitale: Sangean DDR-47BT
È sul mercato da un po' di tempo, eppure il prezzo non è quasi mai sceso, e giustamente.

Già al primo sguardo si nota subito lo slot per il CD nella parte frontale del dispositivo. Oltre a questo abbiamo qui i tasti touch che sono comodi per non far incastrare lo sporco. Al centro vi è il display in blu che comunica in tre righe informazioni riguardo allo stato del dispositivo.

I singoli pulsanti del pannello di controllo sono piuttosto complessi, la maggior parte di essi deve svolgere due funzioni, il che non aiuta la gestione. In ogni caso è disponibile un telecomando, che semplicizza tale processo.

1 di 4
La miglior radio digitale Test: Sangean Ddr47
La Sangean DDR-47BT si presenta in legno pregiato ed è stata sul mercato per un bel po' di tempo.
La miglior radio digitale Test: Sangean Ddr47 Pannello Di Controllo
La superficie di controllo è facile da mantenere pulita grazie al touch. L'unità CD è progettata come uno slot-in.
La miglior radio digitale Test: Sangean Ddr47 Back
La DDR-47BT è l'unica nel test che ha anche uno slot per schede.
La miglior radio digitale Test: Sangean Ddr47 Fb
Come si addice al suo status, il telecomando non è minuscolo con la classica forma a carta di credito.

Sul retro ci sono la maggior parte delle potenzialità: oltre alle solite porte di connessione, come le cuffie e l’uscita analogica, ci sono due porte USB per lo scambio di dati da unità esterne e un’altra per alimentarle. Inoltre, la DDR-47BTT è l’unico dispositivo nel test che permette di registrare da tutte le fonti disponibili. La registrazione da DAB+, CD o FM finisce su una chiavetta USB o su una scheda SD, che si trova nello slot corrispondente sul retro della DDR-47BT.

A differenza di molti altri dispositivi, il Sangean ha un alimentatore incorporato. Il cavo di alimentazione in dotazione viene semplicemente inserito nella presa, in modo che nessuno debba maneggiare la spina, spesso un po’ fastidiosa. La radio non ha mostrato alcun punto debole nella ricezione delle stazioni DAB+ disponibili.

Nonostante tutto questo, la Sangean è relativamente compatta, quindi non occupa molto spazio. Il volume dei due altoparlanti integrati è perfettamente sufficiente per riprodurre un suono ricco. Anche senza supporto esterno, come la nostra preferita, la DDR-47BT può facilmente tenere il passo con le due radio digitali TechniSat. I bassi sono molto definiti, e gli alti puliti e inoltre, sono presenti anche i toni medi, a differenza della nostra preferita.

La Sangean riesce a creare una base stereo molto convincente nonostante gli altoparlanti molto distanziati. È certamente un vantaggio che la trasmissione Bluetooth sia supportata dal codec aptX, quindi nella riproduzione del suono, la radio digitale raggiunge una qualità quasi da CD.

Chiunque voglia semplicemente ascoltare la radio sarà presto affascinato dalle funzionalità della DDR-47BT. Se invece siete amanti della multimedialità e ancora non siete soddisfatti, grazie alla riproduzione DAB+, CD e Bluetooth, la Sangean DDR-47BT sarà il vostro partner ideale.

Consigliata per il prezzo: Albrecht DR 884

La scocca nera dell’Albrecht DR 884 sembra molto più costosa di quello che è, questo grazie ad elementi di design in rame. Il display non è realmente rotondo, ma il bordo lo fa sembrare quasi un oblò.

Prezzo consigliato
Albrecht DR 884
Test La miglior radio digitale: Albrecht DR 884
Buon suono, ottima finitura e offre l'accesso alla radio Internet oltre che a DAB+ e FM.

L’Albrecht è una radio digitale Internet a tutti gli effetti, quindi oltre alle stazioni DAB+ e FM, riceve anche tutte le stazioni radio Internet, attraverso la WiFi integrata. Con questo dispositivo è possibile anche lo streaming da una chiavetta USB e via Bluetooth.

1 di 4
La miglior radio digitale Test: Albrecht Dr884
Il display dell'Albrecht DR 884 sembra rotondo, ma è solo la cornice color rame.
La miglior radio digitale Test: Albrecht Dr884 Bedienfeld
Il pannello di controllo si trova sulla parte superiore della struttura.
La miglior radio digitale Test: Albrecht Dr884 Back
Il cavo di alimentazione è collegato direttamente al dispositivo, eliminando il fastidioso alimentatore a spina.
La miglior radio digitale Test: Albrecht Dr884 Fb
Il telecomando riprende il design generale.

Il pannello di controllo dell’Albrecht si trova sulla parte superiore della struttura. L’alimentatore è integrato.

La conformazione profonda del dispositivo permette un livello di volume tale da consentire la riproduzione dei bassi.
Grazie alla costruzione rigida della struttura, l’Albrecht non tende a vibrare neanche a volumi alti.

Quindi, se state cercando una radio digitale ben accessoriata con la possibilità di trasmettere in streaming da una chiavetta, uno smartphone o direttamente da Internet per pochi soldi, la DR 884 è un’ottima scelta.

Gestione semplice: TechniSat Digitradio 3 Voice

A differenza della versione semplice Digitradio 3, la DIGITRADIO 3 Voice ha un display a colori. Come suggerisce la denominazione, c’è anche il controllo vocale. La sua caratteristica speciale è che funziona senza alcuna connessione a Internet.

Facile da usare
Technisat DIGITRADIO 3 Voice
Test La miglior radio digitale: Technisat DIGITRADIO 3 Voice
Riproduce CD, DAB+ e FM e le funzioni di base possono essere controllate tramite comando vocale.

Se si guarda attentamente il pannello frontale, si nota l’unità CD. Per il resto, poco è cambiato all’esterno della Digitradio, ed è per questo che è facile orientarsi. Anche qui il telecomando è assente. Si può fare zapping attraverso il menu ruotando la manopola di destra e cliccando, o si possono usare i pulsanti corrispondenti per l’unità CD.

Nel test, la DIGITRADIO 3 Voice ha riprodotto senza problemi tutte le 43 stazioni radio digitale+ attualmente ricevibili. Almeno dieci delle vostre stazioni preferite possono essere memorizzate, tre delle quali possono essere richiamate con i tre pulsanti del dispositivo. Per tutte le altre, è necessario il telecomando.

1 di 4
La miglior radio digitale Test: Technisat Digitradio3voice
La Digitradio 3 Voice si basa solo parzialmente sulla versione Digitradio 3.
La miglior radio digitale Test: Technisat Digitradio3voice Bedie
Il display è ora a colori e sotto di esso si può vedere l'unità slot-in per il CD.
La miglior radio digitale Test: Technisat Digitradio3voice Back
Tutte le connessioni (tranne il jack per le cuffie) sono sul retro, una piccola scritta accerta la cooperazione con gli specialisti audio di Elac.
La miglior radio digitale Test: Technisat Digitradio3voice Fb
Il telecomando corrisponde al solito standard, ma a differenza della smart TV, non c'è un microfono integrato.

Ora passiamo alla competenza principale del Digitradio 3 Voice, cioè il controllo vocale. Ne avrete un piccolo assaggio quando la accenderete per la prima volta, perché la radio vi chiederà di effettuare le impostazioni di base a voce.

Comandi vocali

Tra le altre cose, questo include se i comandi vocali devono essere accettati o meno anche in standby. Se questa opzione è attiva, si può accendere la radio digitale tramite il comando vocale, altrimenti occorre accenderla prima. Le continue intercettazioni della propria privacy possono quindi essere disattivate, un’opzione che Alexa e altri fanno fatica ad accettare.

La miglior radio digitale Test: Technisat Digitradio3voice Mic
Se vi rivolgete all’apparecchio con “Hey Technisat”, il simbolo di un microfono appare sul display e un breve tono segnala che il Digitradio 3 Voice è in ascolto.

Il controllo si avvia con “Hey Technisat”, e quando il tono di conferma e l’indicazione del microfono appaiono sul display, bisogna dare un’istruzione chiara. I comandi sono, per esempio, “Abbassa il suono” o “Alza il suono”, e sono descritti con precisione nelle istruzioni. Questa lista di comandi vocali è disponibile anche in Braille.

Le funzioni di ricerca, gli annunci meteo, ecc. come li conosciamo da Siri, Google e Co. non sono possibili, e non c’è accesso alle solite banche dati online. Tuttavia, il controllo vocale è completamente sufficiente per il funzionamento del dispositivo. Queste caratteristiche sono compatibili con le linee guida sulla protezione dei dati.

Grazie alla collaborazione tra TechniSat e gli esperti audio di Elac, non ci sono sorprese in termini di suono. La DIGITRADIO 3 Voice ha un buon suono.

Per impianto stereo: Albrecht DR 50 B

L’Albrecht DR 50 B permette all’utente di un impianto hi-fi classico di accedere alla radio digitale. Il dispositivo ha la forma di un disco ed è piccolo, ma ha un display a colori di facile lettura e può essere collocato nelle vicinanze dell’impianto stereo a portata del cavo audio allegato. Tuttavia, il DR 50 B può fare molto di più che fornire al sistema hi-fi la ricezione DAB+.

Per impianto stereo
Albrecht DR 50 B
Test La miglior radio digitale: Albrecht DR 50 B
Il dispositivo perfetto se vuoi migliorare il tuo sistema hi-fi. Oltre alla ricezione DAB+, c'è anche un'interfaccia Bluetooth.

Per inciso, l’Albrecht DR 50 B può comunicare con lo smartphone via Bluetooth.

Il prerequisito è un ingresso jack libero e una presa di corrente nelle vicinanze, perché la DR 50 B ha naturalmente bisogno di corrente per funzionare. L’alimentazione avviene tramite cavo USB.

La DR 50 B ha bisogno, come la maggior parte delle radio digitali, di un’antenna. Questa è inclusa nella consegna, così come il cavo audio e diversi adattatori. Anche se è solo una cosiddetta antenna a cavo, può essere facilmente nascosta dietro gli altri dispositivi del sistema, e la ricezione è poco influenzata, questo perché la DR 50 B ha un sintonizzatore molto sensibile che elenca tutte le stazioni DAB+ ricevibili dopo una breve ricerca automatica.

Potete lasciare questa lista così com’è o memorizzare fino a dieci stazioni preferite nelle posizioni di memoria corrispondenti. Queste sono richiamate tramite i tasti numerici del telecomando in dotazione.

Qui troverete anche il pulsante “mode” con il quale è possibile passare alla modalità Bluetooth e quindi avviare il processo di accoppiamento con lo smartphone grazie al pulsante “Pair”.

Tutti i processi e anche le informazioni sono leggibili a colori e in alta risoluzione dal piccolo ma raffinato display dell’Albrecht DR 50 B. Il suono dipende ovviamente dall’impianto stereo a cui il DR 50 B è collegato, ma sia la trasmissione Bluetooth che la ricezione DAB+ sono senza dubbio di ottima qualità.

La concorrenza

Hama DR1000DE

Il DR1000DE di Hama è semplice da usare, ha pulsanti e display grandi, molto intuitivi.

Ogni tasto dell’Hama DR1000DE ha una sola funzione ed è di facile lettura anche da lontano. Lo stesso vale per il display, molto grande e leggibile da diverse angolazioni. La scansione delle stazioni trova tutte le 26 stazioni senza problemi o interferenze, quattro delle quali possono poi essere memorizzate nelle corrispondenti posizioni di memoria fornite dalla radio digitale. Non è presente un telecomando, ma c’è una grande manopola sul lato destro che può essere usata per navigare attraverso il menu o regolare il volume.

Anche se l’Hama DR1000DE ha un solo altoparlante, quindi il suono stereo è omesso, sotto questo aspetto fa un lavoro così buono che si può ascoltare la musica in modo decente e anche la comprensione vocale è eccellente.

La Hama DR1000DE è la radio digitale perfetta per tutti coloro che vogliono semplicemente ascoltare la radio.

Panasonic RF-D100BT

L’RF-D100BT, di casa Panasonic è un prodotto di una buona qualità. Nonostante le sue dimensioni piuttosto piccole, è abbastanza pesante, ma questo favorisce il suono. La struttura è in legno ed è spessa circa un centimetro.

I comandi sono disposti in modo chiaro intorno al display a tre righe, rendendolo intuitivo da usare. Non è presente un telecomando. Tutte le porte di connessione sono sul retro e c’è anche un compartimento per la batteria, potendolo così utilizzare anche come dispositivo portatile.

Technisat Digitradio 3

A prima vista, la Technisat Digitradio 3 sembra esattamente come il nostro modello preferito, la Digitradio 4, e a parte il lettore CD interno e il telecomando, sono effettivamente uguali. Il telecomando della Digitradio 3 offre un certo comfort. Oltre ai pulsanti della stazione, anche l’apertura per il CD è nascosta sullo sfondo nero. L’installazione e il resto dell’operazione sono esattamente le stesse. Anche nel suono riprodotto non ci sono differenze udibili.

Xoro DAB 700 IR

Oltre a DAB+ e FM, la radio digitale Xoro DAB 700 IR riceve un’ampia varietà di stazioni radio via Internet tramite la WiFi integrata. Grazie a ciò è possibile anche integrare Spotify Connect, per riprodurre musica da altre fonti. In più sul retro c’è un attacco USB e un ingresso AUX. Ha un alto dispendio energetico e il telecomando presente è piuttosto piccolo.

Questa radio digitale ha un buon suono, grazie anche alla struttura solida e leggermente pesante. Ha due altoparlanti integrati e grazie alla porta bass reflex offre dei buoni toni bassi.

La miglior radio digitale Test: 10 Radio

La miglior radio digitale portatile

Nonostante si preferisca sempre di più ascoltare musica dallo smartphone, se si tratta di ascoltare musica e seguire il notiziario, la radio digitale riesce ancora a svolgre il suo ruolo. Se tale strumento deve essere portatile, deve rispettare delle caratteristiche, come il peso ridotto e una maniglia con un’impugnatura comoda per il trasporto e deve anche essere resistente agli urti.

Un altro criterio importante è, naturalmente, il tipo di alimentazione che non può essere tramite il cavo di corrente. La maggior parte di questi dispositivi non ha un telecomando, cosa di cui non si ha realmente bisogno quando si è in viaggio. Noi abbiamo testato 20 dispositivi per voi. Tutti hanno una cosa in comune: la ricezione DAB+ e l’alimentazione a batterie o pile ricaricabili.

I nostri consigli in breve

La migliore

Lenco PDR-050

La miglior radio digitale Test: Admin Ajax.php
In relazione al prezzo delle componenti, davvero eccellenti, offre un'ottima ricezione e un vero suono stereo.

La Lenco PDR-050 ha un aspetto piuttosto retrò, ma con qualità moderne. La radio, la cui struttura si sviluppa in verticale, è protetta da graffi e urti e la robusta cinghia di trasporto è fatta dello stesso materiale che ricopre l’intera scocca. La radio è alimentata da una batteria ricaricabile incorporata, che si ricarica con il cavo di alimentazione. Nonostante il design delicato, dietro la griglia di protezione ci sono due altoparlanti che forniscono un suono stereo.

Se i soldi non contano

Roberts Revival iStream3

Test La miglior radio digitale: Roberts Revival iStream3
Non solo ha un bell'aspetto, ma ha un suono molto buono e può funzionare con batterie ricaricabili o pile.

La Roberts Revival iStream3 è progettata nello stile degli anni ’50, ma è tutt’altro che antiquata. Il bellissimo involucro contiene una radio digitale+ completa che riceve anche FM e stazioni radio via Internet, grazie alla WiFi integrata. In termini di suono è anch’essa un vero portento.

Prezzo consigliato

Xoro DAB 150 IR

Test La miglior radio internet: Xoro DAB 150 IR
Connesso anche via WiFi ed è ancora abbastanza economica.

La Xoro DAB 150 IR può essere piccola e maneggevole, ma in termini di ricezione fa parte della categoria delle radio digitali più grandi. Oltre a DAB+ e FM, si ha qui la possibilità di ascoltare la radio via Internet, grazie alla WiFi integrata. La batteria ricaricabile è installata in modo permanente, quindi è ideale come radio portatile.

Per bicicletta

Technisat Digitradio Bike 1

Test La miglior radio digitale: Technisat Digitradio Bike 1
Un vero corridore per i ciclisti.

Con la Digitradio Bike 1, TechniSat rende omaggio all’attuale boom del mercato delle due ruote. Come suggerisce il nome, la Bike1 può essere facilmente montata sul manubrio di una bicicletta. Grazie alla batteria integrata, può fornire un’ottima compagnia anche durante i lunghi viaggi. Un set di montaggio completo è incluso nella fornitura.

Per auto

Albrecht DR 54

Test La miglior radio digitale: Albrecht DR 54
Si adatta a qualsiasi autoradio con ricezione DAB+, sia in modalità wireless che via cavo.

L’Albrecht DR 54 è destinata ad affiancarsi ad un’autoradio, vista la sua ricezione DAB+. Dopo tutto, molte auto attuali, sono ancora vendute senza l’autoradio. La DR 54 può essere fissata al cruscotto o al parabrezza in vari modi, e la trasmissione all’autoradio è senza fili, tramite un canale FM libero o tramite cavo audio. In questo utimo caso è necessario che l’autoradio abbia una presa AUX corrispondente.

Tabella di confronto

La miglioreLenco PDR-050
Se i soldi non contanoRoberts Revival iStream3
Prezzo consigliatoXoro DAB 150 IR
Per biciclettaTechnisat Digitradio Bike 1
Per autoAlbrecht DR 54
Roberts Stream 94i Plus
Technisat Viola 2
Panasonic RX-D70BT
Pure Evoke H4
Kenwood CR-ST50DAB
Albrecht DR750
Kenwood CR-M10DAB
Xoro DAB 142
Sangean DPR-42
Sangean DPR-76
Sangean DPR-64
Pure StreamR
Pure StreamR Splash
La miglior radio digitale Test: Admin Ajax.php
  • Ottimo suono stereo
  • Batteria integrata
  • Bluetooth incluso
Test La miglior radio digitale: Roberts Revival iStream3
  • Ottimo suono mono
  • Radio Internet integrata
  • Scelta tra pile e alimentazione a corrente
  • Buon design retrò
  • Lavorazione di qualità
Test La miglior radio internet: Xoro DAB 150 IR
  • Ottimo suono mono
  • Radio Internet integrata
  • Batteria inclusa
  • Cavo di ricarica USB non incluso
Test La miglior radio digitale: Technisat Digitradio Bike 1
  • Buon suono mono
  • Resistente ad acqua e sabbia
  • Grande batteria interna
  • Materiale di fissaggio incluso nella fornitura
Test La miglior radio digitale: Albrecht DR 54
  • Piccolo e versatile da montare in auto
  • Trasmissione opzionale senza fili o con cavo
Test La miglior radio digitale: Roberts Stream 94i Plus
  • Suono stereo molto buono
  • Radio Internet integrata
  • Buona qualità di lavorazione
  • La batteria è opzionale e costa extra
Test La miglior radio digitale: Technisat Viola 2
  • Piccola e leggera
  • Gestione semplice
  • Prezzo economico
Test La miglior radio digitale: Panasonic RX-D70BT
  • Suono stereo buono
  • Unità CD integrata
  • Piuttosto pesante con i sui 2,5 kili
Test La miglior radio digitale: Pure Evoke H4
  • Buon suono
  • Ottimo design
  • Buona ricettività
  • La batteria deve essere acquistata separatamente
Test La miglior radio digitale: Kenwood CR-ST50DAB
  • Suono stereo molto buono
  • Buona qualità di ricezione
Test La miglior radio digitale: Albrecht DR750
  • Buon suono
  • Ottima ricezione DAB
  • Batteria integrata
  • Purtroppo solo mono
Test La miglior radio digitale: Kenwood CR-M10DAB
  • Buon suono
  • Piccola superficie d'appoggio
Test La miglior radio digitale: Xoro DAB 142
  • Molto compatta e leggera
  • Streaming Bluetooth dal cellulare possibile
  • Autonomia della batteria molto limitata
Test La miglior radio digitale: Sangean DPR-42
  • Buon suono
  • Ben fornita
  • Prezzo troppo alto
Test La miglior radio digitale: Sangean DPR-76
  • Buon suono
  • Bordi para urto inclusi
  • Senza Bluetooth
Test La miglior radio digitale: Sangean DPR-64
  • Piccola e maneggevole
  • Buona ricezione
  • Gestione semplice
  • Senza Bluetooth
Test La miglior radio digitale: Pure StreamR
  • Buon suono
  • Batteria integrata
  • Molto costoso
Test La miglior radio digitale: Pure StreamR Splash
  • Buon suono
  • Impermeabile
  • Batteria interna
Mostra dettagli prodotto

La miglior radio digitale Test: Lenco Pdr 050

La migliore: Lenco PDR-050

La Lenco PDR-050 è chiaramente progettata come dispositivo portatile. Dopo tutto, l’abbreviazione PDR, cioè Portable Digital Radio, indica esattamente il suo punto di forza.

Il migliore tra i prodotti da noi testati era rivestito di pelle nera, ma la Lenco PDR-050 è disponibile anche in blu, rosso e taupe, una tonalità marrone chiaro. La radio è sorprendentemente leggera, nonostante la batteria sia installata in modo fisso e pesi molto.

La migliore
Lenco PDR-050
La miglior radio digitale Test: Admin Ajax.php
In relazione al prezzo delle componenti, davvero eccellenti, offre un'ottima ricezione e un vero suono stereo.

Componenti e gestione

Grazie alla batteria ricaricabile integrata, non si ha bisogno di ulteriori pile da acquistare. L’adattatore e il cavo di alimentazioneU SB, vengono forniti in aggiunta.

La consegna include anche un cavo audio e un telecomando delle dimensioni di una carta di credito. Oltre ai tasti presenti sulla struttura il telecomando, la radio digitale ha dieci pulsanti numerici per memorizzare e richiamare le stazioni preferite.

La musica può essere trasferita da uno smartphone in modalità wireless via Bluetooth, oppure collegando il cavo audio alla presa delle cuffie dello smartphone. L’ingresso AUX della Lenco è sul retro. Per la connessione Bluetooth occorre premere il pulsante mode ripetutamente, fino a quando BT Connection appare sul display. A questo punto la radio è pronta per l’accoppiamento.

1 di 4
La miglior radio digitale Test: Lenco Pdr 050
Ci sono due altoparlanti dietro il coperchio.
La miglior radio digitale Test: Lenco Pdr 050 Back
Un altoparlante passivo presente nella parte posteriore funziona come supporto nella gamma delle basse frequenze.
La miglior radio digitale Test: Lenco Pdr 050 Telecomando
Il telecomando è in formato carta di credito e presenta oltre i tasti di controllo, altri dieci dedicati alle stazioni.
La miglior radio digitale Test: Lenco Pdr 050 Componenti
Nella fornitura sono inclusi un comune alimentatore USB con cavo corrispondente e un cavo audio.

Test dell’audio

Anche se non ci si deve aspettare miracoli nella riproduzione del suono a causa del design compatto e del peso ridotto, la Lenco PDR-050 è ancora una delle radio digitali portatili che soddisfano di più di tutte in questa categoria. Il tutto è supportato da due altoparlanti, che permettono un suono stereo abbastanza accettabile nonostante le dimensioni della radio.

Nella parte posteriore, una membrana passiva fornisce supporto nella gamma delle basse frequenze. Il suono è abbastanza corposo, anche se il volume troppo alto dovrebbe essere evitato. L’intelligibilità vocale è soddisfacente.

E i contro?

Particolari debolezze non sono state individuate su questo dispositivo.

Alternative

Oltre alla Lenco PDR-050 ci hanno convinto anche altri modelli. Ecco qui di seguito i nostri consigli.

La Roberts Revival iStream3 ha un design retrò degli anni 50, ma è dotata delle ultime tecnologie. La superficie è fatta di finta pelle e si può scegliere tra sei diverse varianti di colore.  Gli elementi operativi sono color avorio, in linea con lo stile dell’epoca, ma il display moderno e colorato si adatta perfettamente al quadro generale.

Se i soldi non contano
Roberts Revival iStream3
Test La miglior radio digitale: Roberts Revival iStream3
Non solo ha un bell'aspetto, ma ha un suono molto buono e può funzionare con batterie ricaricabili o pile.

L’antenna telescopica, che può essere estratta nella parte superiore, permette alla radio di sintonizzarsi su le numerose stazioni DAB+ e FM. L’antenna WiFi è nascosta nella struttura. La maggior parte delle porte di collegamento sono accessibili dalla parte posteriore. Qui abbiamo oltre all’ingresso AUX analogico e USB digitale, anche un ingresso jack per le cuffie.

1 di 3
La miglior radio digitale Test: Roberts Revival Istream3 4
Il design del Roberts Revival iStream3 è insolito, e la superficie in pelle artificiale è attualmente disponibile in sei colori diversi.
La miglior radio digitale Test: Roberts Revival Istream3 Display
Fedele allo stile anni Cinquanta, i tasti e le manopole color avorio sono tutti accessibili in alto.
La miglior radio digitale Test: Roberts Revival Istream3 Akkufac
Nella parte inferiore, c'è solo la connessione di rete in una rientranza e il vano batteria sotto un coperchio.

Due porte di connessione sono nascoste nella parte inferiore: una è la presa per l’alimentazione tramite l’adattatore di rete in dotazione e l’altra è l’uscita di linea, che può essere utilizzata per collegare la radio al sistema stereo. In questa parte c’è anche uno scompartimento per le batterie. Le batterie necessarie sono sei in formato AA o LR6. A seconda che si utilizzino batterie o batterie ricaricabili, è necessario azionare un interruttore nel vano batterie, così che quelle ricaricabili possano quindi semplicemente rimanere nell’unità per la ricarica.

La Roberts Revival iStream3, come la maggior parte dei dispositivi portatili, viene fornita senza un telecomando. Tutte le fonti, compresi i servizi di streaming più importanti, sono memorizzate come icone sul display e possono essere selezionate direttamente. Mancano qui i tasti per memorizzare le stazioni preferite. Questa azione è comunque possibile, ma bisogna passare attraverso il menu.

Se si è in strada, la riproduzione mono risulta sufficiente, specialmente quando si tratta di un suono come quello riprodotto dalla Roberts Revival. Ci sono due altoparlanti, uno per i toni bassi e medi, e uno che è responsabile solo degli alti. Nel menu troverete anche diversi preset per impostare le caratteristiche del suono. Una memorizzazione delle proprie preferenze è possibile.

La Roberts Revival iStream3 cattura davvero l’occhio e produce anche un ottimo suono grazie alle ultime tecnologie. Grazie all’uscita per le cuffie, la potete usare anche da soli mentre siete in viaggio.

Prezzo consigliato: Xoro DAB 150 IR

La radio digitale Xoro DAB 150 IR è piccola e potente. Oltre a DAB+ e FM, può utilizzare Internet come fonte grazie alla WiFI integrata. Una batteria ricaricabile è installata in modo permanente e può essere ricaricata tramite un cavo di ricarica USB.

Prezzo consigliato
Xoro DAB 150 IR
Test La miglior radio internet: Xoro DAB 150 IR
Connesso anche via WiFi ed è ancora abbastanza economica.

Mentre il cavo di ricarica corrispondente è incluso negli accessori forniti, purtroppo non è lo stesso per l’alimentatore. Questo non sorprende visto il prezzo così conveniente.

1 di 2
La miglior radio digitale Test: Xoro Dab150ir
La DAB 150 IR può ricevere non solo DAB e FM, ma anche via Internet grazie alla WLAN integrata.
La miglior radio digitale Test: Xoro Dab150ir Anschluesse
Per risparmiare la batteria interna, la DAB 150 IR può essere spenta completamente grazie all'interruttore.

Oltre a DAB+, FM e Internet radio digitale, troviamo integrato anche Spotify e può essere selezionato direttamente tramite un’icona sul display. Il lettore multimediale può riprodurre anche la musica da una chiavetta inserita nella presa USB del DAB 150 IR. Il cavo di ricarica è collegato alla seconda presa in formato micro USB.

Per garantire che la batteria duri il più a lungo possibile, il dispositivo può essere spento completamente con un interruttore in modo che, a differenza della modalità standby, non venga visualizzato nemmeno l’orologio. Da questo piccolo dispositivo mono non ci si può aspettare troppo in termini di suono, ma c’è un jack per cuffie e in questo caso, il suono offerto è perfetto anche quando si è in movimento.

La Xoro DAB 150 IR ha una vasta gamma di opzioni di ricezione, restando in una fascia di prezzo molto bassa. La batteria ricaricabile integrata fornisce una buona autonomia anche quando si è in strada.

Per la bici: Technisat Digitradio Bike 1

Il mercato delle biciclette è in piena espansione come mai prima d’ora e TechniSat ha la radio giusta per il vostro veicolo a due ruote. La Digitradio Bike 1 è facile da montare sul manubrio e, grazie alla batteria integrata, ha un’autonomia sufficiente anche durante lunghi tour.

Per bicicletta
Technisat Digitradio Bike 1
Test La miglior radio digitale: Technisat Digitradio Bike 1
Un vero corridore per i ciclisti.

In termini di forma, la Digitradio Bike 1 ricorda il box JBL Flip Bluetooth. Nelle componenti fornite, c’è un supporto con meccanismo a scatto e un set di montaggio completo. Grazie ai numerosi pezzi intermedi e adattatori, il supporto dovrebbe essere in grado di essere attaccato alla maggior parte dei manubri senza grande difficoltà. In alternativa, può anche essere attaccato al telaio come un comune porta borraccia. Su molte biciclette, è possibile attaccare due porta borracce in modo che una di esse ceda il posto alla radio. Simile a una bottiglia d’acqua, la radio digitale viene inserita nel supporto.

1 di 3
La miglior radio digitale Test: Technisat Digitradio Bike1
La Digitradio Bike 1 di Technisat è montata sul manubrio della bicicletta come un cilindro che produce suono.
La miglior radio digitale Test: Technisat Digitradio Bike1
I pulsanti sono sulla parte superiore e resistenti agli spruzzi d'acqua.
La miglior radio digitale Test: Technisat Digitradio Bike1 1
I componenti per il montaggio e l'alimentatore di carica sono inclusi nella fornitura.

La batteria ha una capacità di ben 4.000 mAh e il tempo di riproduzione dipende fortemente dal volume e dalle condizioni di ricezione, ma dovrebbe durare diverse ore anche in condizioni sfavorevoli.  Il dispositivo è protetto dalla polvere e da forti getti d’acqua secondo la norma IP56, quindi una pioggia non causerà alcun danno.

Oltre al DAB+, il dispositivo supporta anche la radio FM e lo streaming Bluetooth da smartphone. L’antenna è volutamente tenuta corta in modo che non interferisca durante la corsa in bici e che non si rompa facilmente. La ricezione di DAB+ e FM è comunque molto buona, e l’antenna può essere considerata una vera high-tech. La Digitradio Bike 1 non ha una WLAN integrata, visto che non avrebbe senso stando in bicicletta.

Il suono è molto buono nonostante la piccola forma del dispositivo. Sulle due estremità della scocca vengono utilizzate le cosiddette membrane passive, che forniscono un buon supporto ai bassi. Se però la radio è posizionata obliquamente sulla bicicletta non è possibile una riproduzione dei bassi. Mentre la comprensione vocale, indipendentemente come venga posizionata la radio, e sempre buona.

Per noi, la Digitradio Bike 1 è attualmente la migliore radio digitale per biciclette e non costa un occhio della testa.

Per l’auto: Albrecht DR54

La Albrecht DR 54 si affianca benissimo con qualsiasi autoradio con ricezione DAB+. Offre due opzioni per trasmettere il segnale all’autoradio. Il primo è semplicemente tramite il cavo audio fornito, possibile se l’autoradio ha una presa AUX corrispondente. Più elegante, invece è l’alternativa tramite wireless.

Per auto
Albrecht DR 54
Test La miglior radio digitale: Albrecht DR 54
Si adatta a qualsiasi autoradio con ricezione DAB+, sia in modalità wireless che via cavo.

Non si può fare a meno dell’antenna né dell’alimentatore. Questo viene fatto semplicemente tramite una presa USB, che la maggior parte delle auto più recenti hanno già. In alternativa, è possibile utilizzare l’accendisigari, l’adattatore corrispondente è incluso nella fornitura.

La DR 54 non utilizza il protocollo Bluetooth per la trasmissione senza fili, poiché questo potrebbe interferire con il sistema vivavoce. Albrecht ha trovato un modo molto più semplice, il dispositivo ha un piccolo trasmettitore FM, in modo che ci sia praticamente una feritoia di trasmissione separata per i programmi DAB+. Questa lascia il canale Bluetooth libero, se è disponibile, per il sistema vivavoce.

La radio digitale DR 54 può essere montata direttamente sul cruscotto, sul parabrezza o dove più si desidera all’interno della macchina. Le parti di montaggio appropriate sono incluse nella fornitura, così come tutte le spine, i cavi e gli adattatori necessari.

Non c’è un modo più facile e più economico per rendere la vostra autoradio digitalmente compatibile. Questo modello viene fornito con tutto il necessario per il montaggio e il funzionamento, e la trasmissione via FM lascia spazio a un sistema che non necessita di cavi, funzionando comunque egregiamente.

La concorrenza

Roberts Stream 94i Plus

La Roberts Stream 94i Plus si distingue dalle altre grazie al suo design speciale. La struttura è nera e lucidata a specchio, da cui spiccano piacevolmente i tasti argentati. Oltre che dal pannello di controllo, il dispositivo è controllato da un telecomando. Non ha una batteria inclusa, ma va acquistata separatamente. Presenta un attacco LAN. Grazie ai quattro altoparlanti il suono è impeccabile.

Technisat Viola 2

La Viola 2 di TechniSat è una delle radio digitali più piccole del nostro test. I suoi punti di forza sono la ricezione del DAB+ e della radio FM analogica. Altre fonti non sono collegate, non c’è una presa AUX né il Bluetooth integrato. D’altra parte, il dispositivo è estremamente conveniente. Il vano batterie del Viola 2 contiene quattro batterie AA, ma non c’è un interruttore, poiché non possono essere ricaricate nell’unità. Sul retro, tuttavia, c’è una connessione per le cuffie e si può ascoltare anche attraverso l’altoparlante integrato.

Panasonic RX-D70BT

Rispetto alla concorrenza, la radio Panasonic RX-D70BT è un vero bolide, visti i suoi quasi due chili e mezzo di peso. Questa radio digitale può essere intesa come un intero sistema stereo, perché oltre le comuni caratteristiche come DAB+, FM e Bluetooth, l’RX-D70BT legge anche i CD. Il display è monocromatico, ma è abbastanza grande e informativo. Sotto c’è un’enorme tastiera e la maggior parte dei tasti  sono numerici, per memorizzare e richiamare i preferiti o inserire direttamente le tracce del CD.

La Panasonic RX-D70BT è profonda ben 20 centimetri, visto che contiene anche il vano delle batterie. Sulla parte frontale ci sono le porte di connessione come quella USB, il jack per le cuffie e l’ingresso analogico. Due altoparlanti nel RX-D70BT forniscono un’ampia base stereo. Una porta bass reflex sul retro fornisce supporto nella gamma dei bassi. Ad un volume alto il suono riprodotto diventa rapidamente distorto.

Il test passo per passo

C’erano già due versioni diverse della buona vecchia radio: la radio da cucina per la casa e la radio portatile. La situazione non è diversa con la radio digitale, ed è per questo che abbiamo diviso il nostro test in due parti. Cominciamo con le radio che sono progettate per un uso stazionario grazie alla loro connessione alla rete. Non c’è di solito qui nessuna restrizione di dimensioni, poiché i dispositivi hanno spazio su un mobile.

Abbiamo poi esaminato i dispositivi mobili, caratterizzati dal fatto che sono portatili e indipendenti dalla presa di corrente perché possono funzionare con batterie o pile ricaricabili.

La miglior radio digitale Test: Digitalradio Mobil
Le radio digitali portatili sono comode per ascoltare musica in giro, in terrazza o su un balcone.

Abbiamo prima testato la ricezione. Tutti i dispositivi dovevano dimostrare le loro qualità di ricezione mantenendo una stessa posizione. Nelle nostre sale di prova, c’è una zona dove la ricezione DAB non è ottimale e grazie a ciò siamo stati capaci di osservare chiaramente le differenze.

La scarsa ricezione non si manifesta sotto forma di rumore o altre interferenze. Con la radio digitale, si riceve o non si riceve una stazione, per cui la radio rimane muta e sono possibili anche dei drop-out, problemi in cui le onde radio si infrangono contro muri e soffitti e per cui la radio, anche in questo caso, non trasmette. È bene far notare che la situazione della ricezione cambia a causa del tempo e di altre influenze esterne, quindi possiamo sempre e solo confrontare i dispositivi che vengono testati assieme.

Abbiamo poi voluto comprendere quanto il funzionamento delle radio digitali fosse intuitivo. Abbiamo anche prestato particolare attenzione al fatto che anche le persone anziane dovrebbero essere in grado di utilizzare la radio digitale senza problemi.

Dopo che la ricezione è stata assicurata e tutte le impostazioni sono state fatte correttamente, l’attenzione si è concentrata sul suono riprodotto. Anche se le radio fisse hanno generalmente il vantaggio, ci sono differenze udibili tra loro e anche alcuni dei modelli più piccoli possono offrire un suono davvero corposo.

Le componenti consegnate insieme alla radio digitale sono importanti, dopo tutto, se si vuole essere in grado di iniziare ad ascoltarla subito. Questo è difficilmente possibile con le versioni mobili perché non sono dotate di batterie ricaricabili. Potete leggere l’esatta dotazione di ogni dispositivo, così come altri dati tecnici, nella tabella.

Domande più frequenti

Con l'FM si possono ricevere solo stazioni regionali, e con il DAB+ quelle di tutta la nazione?

Attualmente ci sono fino a 50 stazioni DAB+ che possono essere ricevute a livello nazionale, e la tendenza è in aumento. Tutte le stazioni attualmente ricevibili a livello regionale e nazionale possono essere trovate tramite radio.

Quando il DAB+ sostituirà la vecchia radio FM?

È interessante notare che la disattivazione definitiva dei trasmettitori FM viene costantemente rimandata, e quindi ci si può aspettare che per i prossimi anni sia possibile un funzionamento parallelo tra FM e DAB+ . Così facendo le piccole radio regionali e private hanno modo di sopravvivere, visto che la digitalizzazione dei programmi e lo spazio sul transponder sono abbastanza costosi, mentre la “vecchia” tecnologia VHF è di più facile gestione anche per le piccole stazioni grazie all’infrastruttura ancora esistente.

La maggior parte dei cosiddetti telefoni cellulari per anziani non hanno né avvisi né altre applicazioni, ma di solito è integrata una radio FM, che funziona quasi sempre e quasi ovunque.

La qualità del suono della radio DAB+ è migliore della FM?

Teoricamente è possibile la stessa qualità del suono, l’importante è tener conto delle interferenze che si verificano durante la trasmissione. In pratica, la pura qualità del suono, come per tutte le fonti di musica digitale, dipende dalla velocità di trasferimento dati.

Per poter trasmettere il maggior numero possibile di stazioni DAB con il minor numero possibile di transponder, spesso si risparmia sulla velocità di trasmissione dati e quindi sulla larghezza di banda. Dopo tutto, lo spazio sul transponder costa. Ciò che la radio digitale elimina tuttavia, è il rumore fastidioso quando la ricezione FM è disturbata da qualsiasi mezzo. Con la trasmissione digitale, tali interferenze vengono eliminate molto efficacemente con una correzione. Se le correzioni non sono più efficaci, o se ci si affida alla zona di trasmissione, la radio digitale rimane semplicemente muta.

Commenti

0 Commenti