La miglior stampante fotoaf Pro 300
test
Pubblicato: 14.12.2021

La miglior stampante fotografica

Abbiamo testato 12 stampanti fotorafiche a getto d’inchiostro e la migliore è la Canon imagePROGRAF Pro-300. Supporta formati fino a A3+ con inchiostri a pigmenti resistenti alla luce e offre un’ottima qualità di stampa. Se per voi è troppo costosa e ingombrante, vi consigliamo di dare un’occhiata agli altri modelli.

Sven Kloevekorn
Sven Kloevekorn
dai tempi dell’ home computer Commodore VIC-20 ha una forte passione per chip e circuiti. Ha fatto del suo hobby una professione, è giornalista e scrive di PC, notebook e dispositivi portatili. Ha scritto per riviste come AndroidNext e Notebookcheck. e lavora come fotografo freelance.
Eleonora Cuccuru
Eleonora Cuccuru
laureata in Traduzione Specialistica, è traduttrice e ha lavorato come sottotitolatrice e adattatrice di film e documentari. Ama le lingue e i processi linguistici, sperimentare nuove ricette e ha un debole per la cucina italiana e internazionale.
Aggiornamento informazioni

Testiamo in continuazione nuovi prodotti e revisioniamo i nostri consigli con regolarità. Vi informeremo non appena questo articolo sarà stato aggiornato.

Una stampante fotografica a getto d’inchiostro professionale è la soluzione migliore se si svogliono stampare foto di grande formato ad alta qualità. Anche se ormai numerosi servizi online offrono la stampa di foto, difficilmente la qualità fornita è la stessa. Non potendo regolare da soli i parametri di stampa dobbiamo spesso affidarci al caso, non sapendo come sarà il risultato finale.

Tuttavia, una buona stampante fotografica risulta una grossa spesa, non solo per il prezzo d’acquisto, ma anche per i costi di stampa. Utilizzando una buona carta fotografica, una stampa può costare fino a un paio di euro. Ma se siete dei professionisti o dei veri fotoamatori, allora ne vale la pena.

I nostri consigli in breve

La migliore

Canon imagePROGRAF Pro-300

Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Canon imagePROGRAF Pro-300
Primeggia in ogni disciplina, non è proprio economica, ma merita.

La migliore stampante fotografica secondo noi è la Canon imagePROGRAF Pro-300. A differenza della sua antenata, la Canon Pixma Pro 10s, risulta più compatta e notevolmente più leggera, è capace di stampare supporti fine art senza bordi, è dotata di display, ripristino ugelli e correzione dei disallineamenti. Utilizza, inoltre, un nuovo tipo di inchiostri. La Pixma Pro 10S risultava inferiore rispetto alla vecchia vincitrice del test, la Epson SureColor SC-P600, non tanto per la qualità di stampta, ma piuttosto per la minore versatilità.

La imagePROGRAF mostra una qualità espositiva quasi perfetta in qualsiasi tipo di supporto e fine art e utilizza solo inchiostri a pigmenti durevoli. Chi lavora molto con i profili di colore, apprezzerà il software Media Configuration Tool che, utile  soprattutto per gli utenti Lightroom e Photoshop (PC/MAC) poiché può essere integrato nella finestra di dialogo stampa di Adobe.

Buona alternativa

Epson SureColor SC-P700

Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Epson SureColor SC-P700
Buona qualità di stampa combinata a design compatto e unità carta in rotolo.

Decretare la migliore è stata una scelta combattuta, perché la Epson SureColor SC-P700 si avvicina molto in termini di qualità di stampa alla Canon, e vanta anzi una migliore versatilità e un’unità di carta in rotolo integrata (!). È anche una delle stampanti fotografiche A3+ più compatte del test. Anche in questo caso, vengono utilizzati solo inchiostri a pigmenti durevoli ad alta opacità ed è anche possibile aumentare ulteriormente la densità del nero.

Per formati A2+

Epson SureColor SC-P900

Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Epson SureColor SC-P900
La sorella maggiore della SC-P700 risulta più compatta e ci regala grandi performance.

Il punto forte della Epson SC-P900 è la possibilità di stampare in grandi formati, fino a A2+ (432 x 648 mm). Per il resto, si assomiglia molto alla SureColor SC-P700 in termini di design, connessioni, unità di stampa, inchiostri, alimentazione e peso della carta e software. Le uniche differenze risiedono nel formato, nell’alimentazione di carta in rotolo e, ovviamente nel prezzo, poiché, al momento del test, la SC-P900 costava quasi 1200 euro.

Fina art a poco prezzo

Canon Pixma Pro-200

Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Canon Pixma Pro-200
Chi utilizza spesso supporti fine art di un certo spessore ha trovato la stampante ideale!

Particolare attenzione merita la Canon Prixma Pro-200, una stampante fotografica sì ingombrante, ma sorprendentemente economica (circa 500 euro). È la migliore stampante fotografica con inchiostri dye-based (a base di coloranti) in gara e l’erede della Canon Pixma Pro-100S. Gli inchiostri dye-based, non proprio resistenti, danno del loro meglio producendo colori radiosi sui supporti lucidi e fine art. La riproduzione dei colori non è quella indicata dal produttore per i supporti originale Canon. Inoltre, rispetto alle moderne stampanti Epson, risulta molto ingombrante, nonostante sia snellita rispetto al modello precedente.

Tabella di confronto

La miglioreCanon imagePROGRAF Pro-300
Buona alternativaEpson SureColor SC-P700
Per formati A2+Epson SureColor SC-P900
Fina art a poco prezzoCanon Pixma Pro-200
Canon Pixma Pro 100S
Canon Pixma Pro 10s
Canon Pixma iP8750
Canon Pixma iX6850
Canon Pixma iP7250
Canon Pixma G550
Epson Photo XP-55
Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Canon imagePROGRAF Pro-300
  • Migliori risultati di stampa su ogni supporto
  • Nero più denso
  • Chroma Optimizer (finitura liscia solo su carta lucida)
  • Di ottima qualità
  • Correzione automatica dell'inclinazione
  • Costosa
  • Pesante e ingombrante
  • Gradiente non perfetto
  • Stessa testina di stampa della 10s
  • Lenta
Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Epson SureColor SC-P700
  • Molto compatta per essere una stampante A3+
  • Qualità di stampa
  • Compatibile con diversi supporti + unità carta in rotolo integrata
  • Display touch di grandi dimensioni
  • Grande portata (cartucce)
  • Poca scelta tra i supporti originali
  • Stampa "nero carbone" non disponibile senza bordi
  • Stampe abbastanza pallide
  • Ritmo di stampa
Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Epson SureColor SC-P900
  • Molto compatta per essere una stampante A2+
  • Qualità di stampa
  • Compatibile con diversi supporti + unità carta in rotolo opzionale
  • Display touch di grandi dimensioni
  • Grande portata (cartucce)
  • Molto costosa
  • Poca scelta tra i supporti originali
  • Stampa "nero carbone" non disponibile senza bordi
  • Stampe abbastanza pallide
  • Ritmo di stampa
Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Canon Pixma Pro-200
  • Ottima qualità di stampa
  • Correzione automatica dell'inclinazione
  • Compatibile con diversi supporti
  • Ampia scelta sui supporti originali
  • Relativamente veloce
  • Pesante e ingombrante
  • Cartucce piccole con inchiostri dye-based
  • Difficoltà nella connessione
  • Colori non fedeli e sovrasaturi
Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Canon Pixma Pro 100S
  • Qualità di stampa
  • Compatibile con diversi supporti
  • Ottima riproduzione delle aree scure
  • Relativamente veloce
  • Costosa
  • Pesante e ingombrante
  • Inchiostri dye-based (nero fotografico = pigmentato)
  • Tonalità calde su carta lucida
Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Canon Pixma Pro 10s
  • Ottima qualità di stampa su tutti i supporti
  • Chroma Optimizer (finitura liscia solo su carta lucida)
  • Di ottima qualità
  • Silenziosa
  • Ampia scelta sui supporti originali
  • Costosa
  • Pesante e ingombrante
  • Lenta
  • Testina di stampa non resistente
Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Canon Pixma iP8750
  • Ottima qualità di stampa
  • Leggera e comaptta
  • Economica
  • Toni della pelle troppo forti
  • Riproduzione dei colori a volte non fedele
  • Rottura tonale nel cielo
Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Canon Pixma iX6850
  • Ottima qualità di stampa
  • Grigi neutrali
  • Leggera e comaptta
  • Economica
  • Toni della pelle troppo forti
  • Riproduzione dei colori a volte non fedele
  • Rottura tonale nel cielo
Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Canon Pixma iP7250
  • Economica
  • Ottima qualità di stampa
  • Stampa f/r automatica
  • Stampa veloce anche a qualità massima
  • Solo fino a formato A4
  • Connessione Wi-Fi problematica
  • Tendenza al rosso/magenta
  • Rottura tonale nel cielo
  • No Ethernet
Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Canon Pixma G550
  • Costi di stampa molto economici
  • Leggera, compatta, piatta
  • Grande portata (cartucce)
  • Solo fino a formato A4
  • Colori sovrasaturi
  • Lenta
  • Stampa in bianco e nero tendente al blu
  • Stampa dei documenti con poco contrastro (no nero pigmentato)
Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Epson Photo XP-55
  • Molto economica
  • Ottima qualità di stampa
  • Stampa f/r automatica
  • Solo fino a formato A4
  • Rumorosa
  • No Display
  • Alimentatore posteriore non ottimale
  • Strisce su aree omogenee
Mostra dettagli prodotto

A cosa serve una stampante fotografica?

L’avvento dei servizi di stampa online ha dato sicuramente del filo da torcere alle stampanti fotografiche. In rete è possibile acquistare un poster 45 x 30 cm di qualità decente per circa un euro. Difficilmente una stampante fotografica può competere con questi prezzi: per una foto A3+ (483 x 330 mm) bisogna contare almeno tre euro.

Per foto in formato poster non vale la pena

Tralasciando i costi nettamente superiori, le stampanti fotografiche di fascia alta offrono una qualità superiore sia di stampa sia di carta rispetto ai servizi online.

Un altro vantaggio nel stampare a casa propria è il fatto di poter controllare il risultato: infatti possiamo regolare in anticipo i bordi, la luminosità, il contrasto, la colorazione, etc. È possibile stampare su supporti speciali con profili di stampa adatti e, con l’aiuto del cosiddetto soft proofing, possiamo vedere su uno schermo calibrato come la foto apparirà su carta. Questo ci consente di regolare con precisione le impostazioni della foto e ottenere il risultato voluto.

Stampare con Lightroom

La maggior parte dei programmi di editing immagini ha una propria funzione di stampa. Ovviamente questo vale anche per i programmi scaricabili gratuitamente sul sito del produttore, come ad esempio “My Image Garden” della Canon, anche se per molti sono soltanto un ripiego.

La stampanti fotografiche di fascia superiore vengono acquistate soprattutto da ambiziosi fotografi per hobby con aspirazioni semiprofessionali. Perciò abbiamo usato per quasi tutte le stampe del test il modulo di stampa di Adobe Lightroom, un’applicazione per l’organizzazione e la modifica delle immagini.

La miglior stampante fotografica
Modulo di stampa di Adobe Lightroom.

Tali programmi servono comunque solo a preparare la stampa. Per influenzare in maniera precisa il risultato di stampa, bisogna smanettare nel rispettivo menù del driver.

Stampare senza bordi e la questione dei margini

Tutte le stampanti in gara sono state in grado di stampare senza bordi. In teoria sarebbe possibile anche nei formati A3+ ma, ad esempio, nella Canon Pixma iX6850 non siamo riuscito a farlo. Ci siamo attenuti alle impostazioni specificate dal produttore e, prima di mandare la foto al driver, su Lightroom abbiamo impostato i margini a zero mm e massimizzato l’area di stampa. Nelle stampanti Epson abbiamo impostato il driver su “mantieni dimensioni”.

I formati DIN A, come l’A3, hanno un rapporto pagine di circa 7:5, un po’ più alto rispetto al sensore di formato 3:2. Nelle Canon abbiamo riscontrato margini bianchi nella parte superiore e inferiore, con margini minimi sui lati. Nelle impostazioni predefinite, le Epson tendono a tagliare l’immagine a destra e a sinistra, ma i margini superiori e inferiori mancano. Un caso speciale è quello del formato A3+, che ha un rapporto pagine di 19:13 (483 x 330 mm).

I margini ai lati possono essere modificati manualmente

Sicuramente nessun fotografo gradisce che il suo lavoro venga ritagliato durante la stampa. Per questo è abbastanza comune stampare le immagini con uno spazio bianco su ogni lato, per poi tagliarli con una taglierina. Alla fine, dopo diversi tentativi, è possibile impostare i margini che preferiamo nel driver. La stampa in A3+ senza bordi è possibile anche con la Canon iX6850 senza utilizzare i preset di stampa.

Inchiostri pigmentati o dye-based?

In generale: più inchiostri singoli e colori primari ha una stampante fotografica, più gradazioni di colore è in grado di stampare. Il nostro test non ha fatto altro che confermarlo. Le cartucce aggiuntive possono fare la differenza soprattutto nel riprodurre con più naturalezza i toni della pelle.

Le stampanti fotografiche solitamente fanno ricorso a inchiostri pigmentati o dye-based, ognuno con i propri pro e contro. Gli inchiostri dye-based vengono assorbiti dalla carta, si asciugano più facilmente e possono essere stampati l’uno sull’altro per mescolare i colori. Sono inoltre idrosolubili, se la carta si bagna tenderanno a colare.

Con gli inchiostri dye-based si possono mischiare i colori

Ciò non è possibile con gli inchiostri a pigmenti perché andrebbero semplicemente a sovrapporsi l’uno sull’altro. I colori si mischiano stampando i pigmenti di diversa tinta uno accanto all’altro. Ed è questo il motivo per cui le stampanti fotografiche con inchiostri a pigmenti hanno bisogno di più colori e cartucce per ottenere la stessa gamma di colori delle stampanti con inchiostri dye-based. D’altra parte, gli inchiostri a pigmenti sono più resistenti alla luce, coprono meglio e offrono un nero più profondo.

I fotografi amanti del bianco e nero danno spesso importanza a una riproduzione in scala di grigi il più neutra possibile, senza dominante cromatica. Per questo motivo, tutte le stampanti fotografiche del test hanno almeno una cartuccia di grigio oltre al nero fotografico.  Gli inchiostri di grigio aggiuntivi assicurano che gli altri colori vengano tralasciati il più possibile durante la stampa di scale di grigio. Tuttavia è difficile evitare completamente una dominante cromatica.

La carta

Canon e Epson offrono carte fotografiche di proprietà che si adattano perfettamente alle loro stampanti fotografiche e ai loro colori, che solitamente risultano migliori della carta “esterna”. La carta fotografica ha solitamente un rivestimento che, grazie a un filtro UV, protegge i colori dallo sbiadimento. Ciò risulta particolarmente importante con gli inchiostri dye-based, essendo meno resistenti alla luce.

Tra le finiture più comuni troviamo: la finitura lucida, detta anche “glossy”, quella semilucida o “semi gloss”, la finitura satinata o “luster”, e infine quella opaca, detta anche “matte”. Tuttavia, la carta lucida non è così brillante come la stampa in un laboratorio fotografico. Nel caso della Canon, la carta lucida che abbiamo usato prende il nome di “pro platinum”.

La miglior stampante fotografica
L’immagine funziona da guida per i rapporti tra i formati e non le dimensioni assolute dei supporti. Il formato DIN A2+ è circa il doppio di A3+ e misura 648 x 432 mm (3:2).

Come regola generale: a parità di immagine, i supporti lucidi sono più nitidi, offrono dei colori più brillanti e una profonodità maggiore grazie al nero ben accentuato. D’altra parte, si ha sempre a che fare con i riflessi che compromettono la qualità durante la visione e sono particolarmente evidenti con stampe di grandi dimensioni. Purtroppo non siamo riusciti ad evitare questo spiacevole effetto quando abbiamo fotografato le stampe di prova, quindi i supporti opachi hanno in questo caso un grande vantaggio.

Gestione del colore, carta fotografica speciale e supporti fine art

La questione gestione del colore richiede delle conoscenze di base, che fortunamente un utente non è tenuto ad avere. Sarà la stessa stampante fotografica a prendere a carico la gestione del colore nelle impostazioni di base.

La gestione del colore della stampante consiste nel prendere in considerazione le caratteristiche speciali degli inchiostri insieme alle proprietà della carta, per poi ottenere una rappresentazione del colore più corretta possibile. Proprio a questo scopo vengono utilizzati i profili colore ICC. Questi profili tengono conto del punto di bianco del supporto utilizzato, che può variare a seconda del tipo. I profili per i supporti di proprietà sono installati automaticamente insieme ai driver della stampante fotografica.

Uno dei motivi principali per l’acquisto di una stampante fotografica è la possibilità di stampare su supporti fine art di alta qualità, per esempio con le Canon, le Hahnemühle o Ilford. A tale scopo non è nemmeno necessario usare uno spettrocolorimetro come lo Spyderprint, con il quale è possibile creare i profili di colore della propri stampante.

I profili di stampa controllano le properità di inchiostro e carta

I professionisti invece disattivano la gestione del colore della stampante fotografica e trasferiscono al dispositivo di stampa direttamente l’immagine già corretta. Questa operazione è sempre necessaria se bisogna stampare su supporti speciali come fine art, per le quali la stampante non ha delle impostazioni automatiche. In questi caso, i produttori dei rispettivi supporti forniscono dei particolari profili di colore adatti. Maggiore è la qualità della stampante fotografica, maggiore è la probabilità di ottenere ciò che si desidera.

Costi e qualità di stampa

Se i costi della carta fotografica sono facili da determinare, lo stesso non si può dire per l’inchiostro. La quantità di inchiostro che viene utilizzata per una foto dipende da diversi fattori.

Per esempio, i supporti opachi e semilucidi assorbono più inchiostro dei supporti lucidi. Anche il soggetto gioca un ruolo decisivo: ovviamente la foto di un vasto paesaggio richiederà più inchiostro della foto di un ritratto con grandi aree luminose.

Più alta è la qualità, più inchiostro verrà usato

Un altro fattore importante è la qualità. Di regola, una qualità superiore richiede più inchiostro. Il che non si riflette necessariamente nel risultato di stampa. Noi comunque abbiamo stampato sempre al massimo della qualità e abbiamo notato che le due stampanti Canon più economiche del test non solo lavorano velocemente, ma sembrano usare meno inchiostro rispetto alle stampanti di fascia superiore.

Per chi compra una stampante fotografica di alta qualità, l’importante è il risultato. Aspetti come velocità e costi di consumo spesso passano in secondo piano. Naturalmente la velocità di stampa dipende principalmente della qualità selezionata, ma ulteriori ottimizzazioni come il Chroma Optimizer della Canon o la tecnologia overcoating per il miglioramento del nero influiscono spesso sul ritmo di stampa.

La miglior stampante fotografica
Canon imagePROGRAF Pro-300.

La migliore: Canon imagePROGRAF 300-Pro

Quello che ci ha convinto di più della Canon imagePROGRAF 300-Pro è l’eccellente qualità di stampa su tutti i supporti, la versalità, la facilità d’uso così come il suo aspetto solido e professionale. Il display integrato ne semplifica il funzionamento e guida anche gli utenti più inesperti attraverso il processo di stampa. Anche la varietà di interfacce ha il suo perché.

La migliore
Canon imagePROGRAF Pro-300
Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Canon imagePROGRAF Pro-300
Primeggia in ogni disciplina, non è proprio economica, ma merita.

La qualità di stampa della Canon imagePROGRAF è impressionante: sia sui supporti sia su quelli opachi mostra dei colori brillanti, fedeli e mai troppo saturi. Le foto sono ricche di dettagli, nitide, con dettagli in alta definizione sia nelle aree chiare sia nelle aree scure. I toni della pelle vengono riprodotti in modo molto naturale.

1 di 5
La miglior stampante fotografica Test: 018 Prograf Din A3 Premium Luster Testbild
Canon imagePROGRAF 300-Pro A3 lucido: una stampa quasi perfetta.
La miglior stampante fotografica Test: 019 Prograf Din A3 Premium Luster Portrait
Canon imagePROGRAF 300-Pro: i toni della pelle si avvicinano molto all'originale, più di ogni altra stampante.
La miglior stampante fotografica Test: 020 Prograf Din A3 Premium Luster Schwarz Weiss
Canon imagePROGRAF 300-Pro A3 lucido: grigio neutrale e nero intenso.
La miglior stampante fotografica Test: 021 Prograf Din A4 Platin
Canon imagePROGRAF 300-Pro Pro Platinum A4: colori vividi e corretti su carta lucida.
La miglior stampante fotografica Test: 022 Prograf Din A3 Premium Luster Testbild Ausfuellend
Canon imagePROGRAF 300-Pro A3+ lucido: l'immagine non è perfettamente centrata.

Il nero, molto importante per l’aspetto dell’immagine, risulta più scuro e ricco grazie agli inchiostri pigmentati rispetto a quelli dye-based. A differenza delle stampanti Epson, viene applicato il “Chroma Optimizer”, un inchiostro che fornisce una finitura liscia su carta lucida, così da migliorare la riproduzione ed evitare troppi riflessi.

Grazie al nuovo sistema di inchiostri Lucia Pro, le stampe dell’imagePROGRAF mostrano colori leggermente più vivi e vibranti della Canon Pixma Pro-10s (inchiostri Lucia). Per i supporti lucidi viene applicato un nero fotografico, mentre per quelli opachi un nero, appunto, più opaco, molto scuro a causa della sua densità. Abbiamo testato entrambe le sfumature.

A parte le stampanti (semi)professionali della Epson e la Canon Pixma Pro-200, nessun’altra stampante fotografica nel test produce delle immagini in bianco e nero in modo così neutro come la imagePROGRAF. Se si imposta il driver sulla stampa in bianco e nero, vengono usate solo cartucce nere e grigie, il che evita una dominante cromatica.

1 di 5
La miglior stampante fotografica
L'imagePROGRAF 300-PRO è poco più compatta della Pixma 10s, ma rimane comunque ingombrante.
La miglior stampante fotografica
Il normale alimentatore della carta contiene 100 fogli normali o 20 fogli di carta fotografica fino a 280 g/m².
La miglior stampante fotografica
Sotto lo sportello principale si trova il carrello di stampa con la testina e le cartucce.
La miglior stampante fotografica
L'uso è semplice grazie al grande display dal sofisticato menù di navigazione e ai pulsanti ergonomici.
La miglior stampante fotografica
Quando si apre completamente, risulta ancora più ingombrante.

La stampa di prova è quasi eccellente. Il grigio non mostra alcuna gradazione visibile, mentre alcune minime gradazioni possono essere notate tra il blu e il viola. Nelle due stampanti Canon più economiche è possibile notare nella rottura tonale nel cielo anche delle sfumature, tuttavia il modello precedente è risultato migliore in questo caso, gestendo meglio il gradiente di colore e il cielo.

Una novità è la correzione automatica dell’inclinazione per entrambi gli alimentatori, che raddrizza automaticamente i supporti inclinati prima di procedere alla  stampa. Ha funzionato bene nel nostro test, a meno che non sovraccaricassimo l’alimentatore. Per una stampa A3+ a qualità massima, la imagePROGRAF ha impiegato circa nove minuti; la SC-P600 ne richiedeva otto.

Uso

La stampante fotografica si collega facilmente alla rete Wi-Fi tramite WPS e, dopo aver installato il driver sul PC e aver stampato una pagina di prova per la calibrazione, è subito pronta all’uso. In alternativa, può essere collegata tramite cavo Ethernet o cavo USB. Per il Wi-Fi avremmo preferito 5 GHz e uno standard USB 3.0/3.1 Gen 1 per l’ingresso USB.

A differenza delle stampanti Epson più costose, il display risulta più piccolo e non è sensibile al tocco, ma si trova sulla parte anteriore insieme ai pulsanti di controllo, risultando così parecchio comodo. Inoltre, i punti di pressione sono nitidi e producono un buon feedback acustico. Sullo schermo possiamo vedere i livelli di inchiostro di tutte le cartucce, il tipo e le dimensioni del supporto utilizzato. Come tipico della Canon, il menù di navigazione è chiaro e conciso.

La miglior stampante fotografica
Canon Print & Layout Professional 2.

I cicli di manutenzione sono purtroppo molto frequenti, ma almeno più brevi di quelli del vecchio modello vincitore Epson.

Il vassoio della carta può contenere 100 fogli di carta comune o 20 fogli di carta fotografica, fino a 280 g/m² di grammatura. Sul retro vi è anche un alimentatore a foglio singolo, che può essere usato per i supporti fine art, ad esempio. In questo caso i supporti non vengono piegati come avviene nel vassoio della carta standard.

Non esiste un terzo alimentatore per supporti spessi e/o rigidi come nel caso della Epson SC-P600. I CD o i DVD su cui stampare vengono inseriti in un porta CD sul davanti. Solo la Epson SC-P600, 700 E 900 (opzionale) hanno un’unità carta in rotolo. In compenso l’imagePROGRAF  può gestire la carta di quasi un metro, anche senza bordi, fino a un formato A4.

Stampare da smartphone o tablet

Chi vuole acquistare una stampante fotografica professionale solitamente non è interessato alla stampa da smartphone. Tuttavia, l’imagePROGRAF 300-Pro può stabilire una propria connessione Wi-Fi (Wi-Fi Direct), nella quale viene riconosciuta come stampante AirPrint dai dispositivi iOS. È possibile usare anche anche Google Cloud Print e PictBridge. Si stampa attraverso l’app Canon Print, dove possiamo trovare anche diverse impostazioni del driver del PC per i supporti e la qualità di stampa.

E i contro?

La Canon imagePROGRAF 300-Pro è tutt’altro che una stampante compatta o economica. Occupa comunque meno spazio del modello precedente e della Canon Pixma Pro 10S e, con i suoi 14,4 kg, rientra nella media delle stampanti fotografiche di grandi dimensioni (che va da dodici a quindici kg). Le cinque stampanti fotografiche più leggere del test pesano 8,5 kg, poco più della metà e risultano anche meno ingombranti.

Le cartucce sono più grandi rispetto al modello precedente, ma comunque più piccole se guardiamo le altre stampanti. Inoltre, Canon ha aumentato il prezzo per mm di inchiostro, ma promette al contempo un consumo inferiore, per cui i costi di stampa sono rimasti più o meno gli stessi rispetto alla Pixma 10s.

Sono molti i clienti che scrivono che la Canon Pixma Pro 10S dispone di una testina di stampa che richiede parecchia manutenzione. La imagePROGRAF ha 786 ugelli e gocce d’inchiostro da 4 picolitri, perciò immaginiamo che la situazione sia simile a quella della Pixma Pro 10S. Forse è questo il motivo dietro al nuovo ripristino ugelli, che monitora gli ugelli durante la stampa e compensa le perdite di quelli vicini.

Alternative

La Canon imagePROGRAF 300-Pro ci ha convinto per la sua eccezionale qualità di stampa. Essendo questa stampante fotografica molto grande e costosa, abbiamo scelto per voi altre alternative più compatte ed economiche.

Buona alternativa: Epson SureColor SC-P700

La nuova stampante fotografica Epson SureColor SC-P700 del 2021 si avvicina molto alla Canon sotto certi aspetti, ma, per esempio, se ne distacca molto in termini di versatilità. La maggior parte dei dettagli riprendono la SC-P900, dove le uniche differenze sono il formato della stampa (A3+/A2+) e l’unità carta in rotolo, integrata nella 700 e opzionale nella 900.

Buona alternativa
Epson SureColor SC-P700
Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Epson SureColor SC-P700
Buona qualità di stampa combinata a design compatto e unità carta in rotolo.

La Epson è rimasta fedele al design spigoloso della P600 e della P800, ma ha rivoluzionato il telaio esterno, che ora pesa circa 13 chili. Il colore è nero opaco, giusto nella parte anteriore il nero laccato ricorda un pianoforte, non ideale per graffi e ditate. Si tratta di un piano semitrasparente che permette di osservare le testine di stampa a lavoro con l’aiuto di una luce esterna che può anche essere spenta.

La costruzione in plastica non è ottimale, ma non abbiamo notato difetti di lavorazione. La SC-P600 ci aveva lasciato un’impressione più povera.

1 di 6
La miglior stampante fotografica Test: 036 Epson Surecolor Sc P700 01
La Epson SC-P700 supporta un formato A3+...
La miglior stampante fotografica Test: 037 Epson Surecolor Sc P700 02
..e dispone di dieci cartucce. Nonostante ciò è molto compatta!
La miglior stampante fotografica Test: 038 Epson Surecolor Sc P700 03
Almeno fino a che non si apre completamente.
La miglior stampante fotografica Test: 039 Epson Surecolor Sc P700 06
I fogli singoli si inseriscono nella parte anteriore...
La miglior stampante fotografica Test: 040 Epson Surecolor Sc P700 07
..mentre dietro si trova l'unità carta in rotolo integrata.
La miglior stampante fotografica Test: 041 Epson Surecolor Sc P700 08
È possibile anche muovere il display.

Un’altra miglioria è il display touch notevolmente più grande, che può anche essere inclinato verso di voi. La risoluzione è abbastanza buona, così come i colori, e il funzionamento risulta abbastanza ergonomico. Prima di stampare, è inoltre possibile visualizzare un’anteprima di stampa. Il collegamento con l’SC-P700 avviene tramite USB 3.0, cavo Ethernet o Wi-Fi (5 Ghz ac). Può anche essere alimentata dall’app iPrint (Epson Connect) ed è compatibile con Apple AirPrint. Come software aggiuntivi per PC e Mac, Epson fornisce ColorBase 2, Epson Media Installer e Epson Print Layout.

Una grande lacuna della generazione precedente è la testina di stampa unica per il nero, sia per il nero fotografico (supporti lucidi), sia per il nero opaco (altri supporti). Quando l’inchiostro viene cambiato, è necessario lavare la testina di stampa, il che ovviamente è una bella perdita di tempo. La nuova generazione ha degli ugelli appositi per i diversi tipi di nero.

Per chi ama stampare su supporti digitali, la Canon offre una selezione di supporti molto belli, ad esempio quelli satinati e opachi, e quelli per fine art. Epson offre soltanto una carta premium opaca e lucida, meno belle dei corrispettivi della Canon.

1 di 4
La miglior stampante fotografica Test: 042 900 A3 Premium Glossy Landschaft
Epson SC-P700/900 A3+ Premium Glossy: colori brillanti quasi perfetti, un po' meno accesi di quelli della Canon Pro-300.
La miglior stampante fotografica Test: 043 900 A3 Premium Semigloss Testbild
Epson SC-P700/900 A3 premium semigloss: stampa quasi perfetta dagli esatti colori, nero molto profondo ma sfumature non nitidissime.
La miglior stampante fotografica Test: 044 900 A3 Premium Semigloss Portrait
Epson SC-P700/900 A3 Premium semigloss: toni della pelle fedeli all'originale, meno accessi di quelli della Canon Pro-300.
La miglior stampante fotografica Test: 045 900 A3 Premium Semigloss Sw
Epson SC-P700/900 A3 Premium Semigloss: tonalità neutre, nero non così scuro come nella Canon Pro-300, effetto bronzing evidente.

La SC-P700 risulta più versatile della Canon quando si usano supporti di altri produttori. Questo è dovuto soprattutto allo spessore massimo della carta compatibile: 0,6 mm nella Canon 200 e 300 e 1,55 mm nella SC-P700. Inoltre, le stampanti fotografiche Espon hanno un’unità carta in rotolo integrata senza limiti di dimensioni, anche se non abbiamo potuto determinare se supportino anche rotolo di più di 15 metri.

I supporti rigidi e particolarmente spessi vengono alimentati dalla parte anteriore e il processo richiede sicuramente un po’ di tempo per abituarsi. Abbiamo visto soluzioni più ergonomiche, ma la carta o il cartone non vengono minimamete piegati.

Il set di colori prende qui il nome di UltraChrome Pro 10 e consiste in un totale di dieci inchiostri pigmentati, tra cui il nero opaco, il nero fotografico, due tonalità di grigio e un nuovo blu/viola. Non esiste una finitura liscia come il Chroma Optimizer, ma si fa ricorso alla tecnologia overcoating per il miglioramento del nero (BEO), per cui le aree scure dell’immagine vengono ulteriormente spruzzate di grigio per creare un nero più profondo. Abbiamo stampato diverse fotografie con e senza questa tecnologia, ma a occhio nudo non abbiamo potuto riscontrare alcuna differenza. Il livello di qualità maggiore che può essere impostato nel driver è chiamato “nero carbone”, ma qui non è possibile la stampa senza bordi.

In termini di qualità di stampa, la Epson SureColor SC-P700 è alla pari con la nostra preferita in gara, ma le stampe sui supporti originali risultano un po’ più pallide a confronto. Anche la stessa carta della Canon ci piace di più.

Come accennato, nella Epson può essere selezionato un nero particolarmente profondo tramite la tecnologia BEO, la differenza non è visibile a occhio nudo e la qualità “nero carbone” non può essere selezionata senza bordi. Il tutto non risulta molto funzione, soprattutto se lo paragoniamo alla Canon, dove la profondità del nero dipende solo dal livello di qualità selezionato e non risulta meno scuro di quello della qualità “nero carbone” della Epson. In fondo da una stampante fotografica vogliamo la massima densità di nero, no?

Per formati A2+: Epson SureColor SC-P900

Chi ha bisogno di stampare fino a un formato A2+ (648 x 432 mm) non ha alternative, se non ricorrere alla Epson SureColor SC-P900, perché la diretta concorrente, la Canon imagePROGRAF-1000, arriva “solo” fino a formati A2.

Per formati A2+
Epson SureColor SC-P900
Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Epson SureColor SC-P900
La sorella maggiore della SC-P700 risulta più compatta e ci regala grandi performance.

Pesa 14,8 kg, poco più della Canon Pixma Pro-200, ma risulta meno ingombrante e gestisce il doppio della carta.

1 di 5
La miglior stampante fotografica
La SC-P900 stampa in formato A2+.
La miglior stampante fotografica
Risulta però più compatta dei due modelli Canon A3+.
La miglior stampante fotografica
Una volta aperta l'ingombro aumenta.
La miglior stampante fotografica
10 cartucce con ognuna 25 mm di inchiostro.
La miglior stampante fotografica
Il display touch ne rende più facile l'uso.

La SC-P900 (1200 euro al momento del test) è molto simile alla SC-P700 (circa 700 euro), in quanto utilizza la stesso sistema di stampa e di alimentazione, vi rimandiamo quindi al paragrafo precedente. Le uniche differenze risiedono nel formato supportato e il supporto per carta in rotolo.

1 di 4
La miglior stampante fotografica
Epson SC-P700/900 A3+ Premium Glossy: colori brillanti quasi perfetti, un po' meno accesi di quelli della Canon Pro-300.
La miglior stampante fotografica
Epson SC-P700/900 A3 premium semigloss: stampa quasi perfetta dagli esatti colori, nero molto profondo ma sfumature non nitidissime.
La miglior stampante fotografica
Epson SC-P700/900 A3 Premium semigloss: toni della pelle fedeli all'originale, meno accessi di quelli della Canon Pro-300.
La miglior stampante fotografica
Epson SC-P700/900 A3 Premium Semigloss: tonalità neutre, nero non così scuro come nella Canon Pro-300, effetto bronzing evidente.

Fine art a poco prezzo: Canon Pixma Pro-200

Siamo rimasti piacevolumente sorpresi dalla stampante fotografica A3+ Canon Pixma Pro-200, disponibile a soli 500 euro e perfetta come primo modello per entrare nel mondo delle stampanti fotografiche semiprofessionali e per supporti fine art. Rispetto alla Canon Pixma Pro 100S, ha perso volume e peso ma, una volta aperta, risulta comunque parecchio ingombrante.

Fina art a poco prezzo
Canon Pixma Pro-200
Test La miglior stampante fotografica a getto d'inchiostro: Canon Pixma Pro-200
Chi utilizza spesso supporti fine art di un certo spessore ha trovato la stampante ideale!

La stampante fotografica si aziona tramite sei pulsanti e dei tasti direzionali con un pulsante di conferma. Il display a colori è abbastanza piccolo e non è touch, ma è facile da usare. Poco da dire sulla qualità di questo modello in plastica opaca nera. Il collegamento alla Canon avviene tramite cavo USB, cavo Ethernet o rete Wi-Fi, dove un assistente cerca di aiutarvi nella configurazione. Noi abbiamo fatto più in fretta connettendoci tramite il normale menù.

Anche qui troviamo la famosa correzione automatica dell’inclinazione, esattamente come nella Canon PROGRAF-300. L’alimentazione della carta avviene tramite il vassoio di alimentazione superiore o uno montato posteriormente per supporti più spessi a partire da 300 g/m². In dotazione viene fornita una risma di carta ruvida Canon Premiom fine art (380 g/m²) che può essere inserita solo nell’alimentatore di fogli singoli. Nella parte anteriore è presente anche un ingresso per CD e DVD. Questa stampante fotografica non può stampare su rotoli, ma arriva fino a un metro. È capace anche di stampare senza bordi su supporti fine art di grande spessore.

1 di 7
La miglior stampante fotografica
La Canon Pixma Pro-200 rimane una stampante ingombrante.
La miglior stampante fotografica
Rispetto al modello precedente ha perso volume e peso.
La miglior stampante fotografica
Il display è grande ma non è touch.
La miglior stampante fotografica
La portata delle piccole cartucce è limitata.
La miglior stampante fotografica
La stampante completamente aperta.
La miglior stampante fotografica
Alimentatore.
La miglior stampante fotografica
Cassetto della manutenzione.

La stampa viene effettuata con nuovi inchiostri dye-based ChromaLife 100+: otto cartucce (sei colori, nero e grigio) abbastanza piccole con 12,6 mm di inchiostro al prezzo di circa 20 euro. Rispetto alla versione precedente, dovrebbero coprire una gamma di colori più ampia e svanire più lentamente. I colori ci hanno convinto soprattutto su carta fotografica lucida, lo stesso vale per le stampe su supporti fine art opachi. Sia la migliore del test, sia le Epson SC-P700 e SC-P900 utilizzano dieci inchiostri pigmentati. In questa stampante fotografica non troviamo il ripristino degli ugelli.

1 di 4
La miglior stampante fotografica Test: 089 200 A3 Premium Luster Testbild
Canon Pixma Pro-200 A3 Premium Luster: Nero profondo, colori un po' troppo forti.
La miglior stampante fotografica Test: 090 200 A3 Premium Luster Portrait 1
Soprattutto nei toni della pelle.
La miglior stampante fotografica Test: 091 200 A3 Premium Luster Sw 1
Nero profondo, sfumature più chiare nitide.
La miglior stampante fotografica Test: 092 200 A4 Premium Glossy Landschaft 1
Su carta lucida i colori risultano particolarmente corretti e luminosi.

In termini di nitidezza e dettagli la Canon Pixma Pro-200 ci ha convinti parecchio. Non siamo altrettanto soddisfatti della riproduzione dei colori quando si stampa su carta fotografica originale utilizzando i profili Canon. I colori risultano più potenti rispetto a quelli mostrati sul monitor calibrato. Inoltre, i grigi neutri differiscono leggermente l’uno dall’altro a seconda dalla carta utilizzata (lucida/satinata/opaca). Non dovrebbe essere così, ma dipende più dai profili che dalla stampante stessa. Non riusciamo a pensare a nessuna ragione per cui non dovrebbe essere possibile ottenere una riproduzione coerente e fedele del colore su tutti i supporti con l’aiuto di profili che abbiamo creato noi stessi o scaricato.

Il nero è più denso di quello della Canon Pixma Pro-10S con inchiostri pigmentanti, un punto a favore per gli inchiostri dye-based. La stampa monocromatica non mostra distorsioni di colore evidenti ma delle belle gradazioni nelle sfumature, donando una buona profondità di immagine grazie al nero denso.

Nel raro caso in cui un utente voglia stampare le foto direttamente dallo smartphone o dal tablet, si possono usare le app Canon sia con iOS sia con Android. A differenza dei precedenti modelli Pixma, Canon Professional Print & Layout può essere utilizzato qui come software stand-alone o come plugin per Lightroom e Photoshop Elements. Non sottovalutate i costi di stampa, che possono arrivare tranquillamente alla doppia cifra a seconda della qualità e del formato.

La concorrenza

Canon Pixma G550

Non ci è del tutto chiaro a quale target si rivolge la Canon Pixma G550, una stampante fotografica dalle cartucce notevolemente durature. Con un solo set di inchiostri può stampare fino a 3800 foto in formato 10 x 15 cm, che corrispondono circa a 950 foto A4. Dispone in totale di sei inchiostri dye-based: 4 colori, nero e grigrio, dove una cartuccia contiene 70 ml e costa 15 euro. Tutto ciò rende la G550 una delle stampanti fotografiche più economiche sul mercato.

Pesa solo cinque chili e risulta piacevolmente compatta. Si aziona attraverso un display LC monocromatico a due righe e due pulsanti con un buon punto di pressione e stampa a un ritmo di quattro immagini al minuto. Non è tuttavia adatta all’ufficio in quanto non ha un cassetto per la carta abbastanza capiente né un inchiostro nero a pigmenti. Si connette via USB 2.0 o WiFi.

1 di 4
La miglior stampante fotografica
Canon Pixma G550 A4 Premium Luster: rottura tonale del cielo, sfumature graduate nel gradiente di colori.
La miglior stampante fotografica
Canon Pixma G550 A4 Premium Luster: i toni della pelle non rispecchiano quelli del monitor calibrato, il che porta a una riproduzione dei colori troppo saturi.
La miglior stampante fotografica
Canon Pixma G550 A4 Premium Luster: il nero non è troppo, la dominante blu è abbastanza evidente anche senza confrontarla con un'immagine a colori neutri.
La miglior stampante fotografica
Canon Pixma G550 A4 Premium Glossy: stampa lucida con rottura tonale nel cielo e colorti forti abbastanza fedeli all'originale

Su carta lucida la risoluzione e la densità del nero risulta abbastanza buona, mentre i colori e le sfumature di grigio sono impeccabili. Su supporti opachi e semiopachi, le gradazioni sono ben visibili in tutto il gradiente di colore. Le stampe tendono abbastanza al blu, cosa particolarmente evidente nella foto in bianco e nero, anche se la percezione del colore è ovviamennte influenzata dalla luce ambientale. I colori a volte appaiono sovrasaturati (per esempio la ragazza al centro) e non vengono riprodotti sempre fedelmente. Le stampe comunque non sono seconde a quelle fatte in negozio né in termini di qualità né in termini di costi.

Canon Pixma Pro 100S

La Canon Pixma Pro 100S è una stampante fotografica grande e di buona qualità. Rispetto alla Canon Pro 10S, le stampe risultano di qualità poco inferiore e gli inchiostri dye-based sono meno durevoli (tranne il nero fotografico). Purtroppo la scelta dei supporti non è molto vasta, e le connessioni sono le stesse della Pixma 10S.

1 di 6
La miglior stampante fotografica Test: 097 100s Premium Luster A3 1
Canon 100S Premium Luster A3+.
La miglior stampante fotografica Test: 098 100s Premium Luster A3 2
Canon 100S Premium Luster A3+.
La miglior stampante fotografica Test: 099 100s Premium Luster A3 2 1
Canon 100S Premium Luster A3.
La miglior stampante fotografica Test: 100 100s Premium Luster A3
Canon 100S Premium Luster A3 (doppia)
La miglior stampante fotografica Test: 101 100s Premium Matte A4
Canon 100S Premium Matte A4.
La miglior stampante fotografica Test: 102 100s Premium Luster A4 Blitzer Links Oben
Canon 100S Premium Luster A4.

D’altra parte, stampa più velocemente della SC-P600 della Epson e, grazie al programma plugin “Print Studio Pro” per Lightroom, Photoshop e Photoshops Elements, offre uno strumento di stampa ben riuscito, che si assume alcuni compiti del driver. Questo programma è ovviamente disponibile anche per chi possiede una Pro 10S.

1 di 10
La miglior stampante fotografica Test: 103 Canon Pixma Pro 100s
Canon Pixma Pro 100S.
La miglior stampante fotografica Test: 104 Canon Pixma Pro 100s
Supporto per grandi formati.
La miglior stampante fotografica Test: 105 Canon Pixma Pro 100s
Supporto per piccoli formati.
La miglior stampante fotografica Test: 106 Canon Pixma Pro 100s
Vassoio di uscita.
La miglior stampante fotografica Test: 107 Canons Von
Alimentatore fogli singoli.
La miglior stampante fotografica Test: 108 Canons Von
Vassoio della carta con stampa in bianca e nero.
La miglior stampante fotografica Test: 109 Canons Von
Tasti di comando.
La miglior stampante fotografica Test: 110 Canons Von
Carrello di stampa con cartucce: una luce Led indica il livello.
La miglior stampante fotografica Test: 111 Canons Von
Alimentatore carta principale.
La miglior stampante fotografica Test: 112 Canons Von
Ingresso Ethernet e USB 2.0.

Canon Pixma iP8750

La Canon Pixma iP8750 è una stampante fotografica abbastanza conveniente, che con i suoi sei inchiostri ChromaLife 100+ offre una buona qualità di stampa. Tuttavia, in un confronto diretto con le stampanti più costose, possiamo notare alcune debolezze. Per esempio, la dominante di grigio non è molto lineare e i toni della pelle appaiono sovrasaturati, con una dominante di rosso abbastanza innaturale.

1 di 6
La miglior stampante fotografica
Canon iP8750 Premium Luster A3+.
La miglior stampante fotografica
Canon iP8750 Premium Luster A3.
La miglior stampante fotografica
Canon iP8750 Premium Luster A3.
La miglior stampante fotografica
Canon iP8750 Pro Platinum A4.
La miglior stampante fotografica
Canon iP8750 Premium Matte A4.
La miglior stampante fotografica
Canon iP8750 Premium Luster A3.

La foto del paesaggio mostrano strane striature del cielo. Nel confronto diretto con la foto in bianco e nero di riferimento della SC-P600, si nota una tendenza ai toni caldi e i dettagli non appaiono così ricchi e definiti. Le stampe su carta fotografica appaiono pallide e non proprio ad alta risoluzione, ma è abbastanza normale con questo tipo di supporti.

1 di 5
La miglior stampante fotografica
Vassoio carta.
La miglior stampante fotografica
Alimentatore carta.
La miglior stampante fotografica
Vassoio carta con stampa.
La miglior stampante fotografica
Carrello di stampa con cartucce.
La miglior stampante fotografica
Ingresso.

L’alimentatore carta può contenere 150 fogli di carta comune o 20 fogli di carta fotografica fino a 300 g/m². Chi vuole far funzionare la stampante fotografica via LAN o Ethernet, deve purtroppo trovare un’altra soluzione.

Epson Photo XP-55

Per il suo prezzo ridotto, la stampante fotografica A4 Epson Expression Photo XP-55 offre dei buoni risultati di stampa. Ha sei colori, compreso il nero fotografico, ma una volta riprodotti non appaiono troppo naturali, soprattutto nei toni della pelle. Nonostante il nero profondo, le stampe sono un po’ carenti di dettagli nelle aree scure dell’immagine, infatti i due riquadri più scuri della nostra immagine di prova sono difficilmente distinguibili l’uno dall’altro. Le scale di grigio risultano sorprendentemente neutre per un solo inchiostro nero.

1 di 4
La miglior stampante fotografica
Epson Expression Photo XP-55 Premium Semigloss: grigio al centro non proprio neutro, definizione moderata nelle zone scure dell'immagine.
La miglior stampante fotografica
Epson Expression Photo XP-55 ritratto: toni della pelle troppo tendenti al rosso.
La miglior stampante fotografica
Epson Expression Photo XP-55 bianco e nero:la stampa risulta abbastanza neutra nonostante l'unica cartuccia nera.
La miglior stampante fotografica
Epson Expression Photo XP-55 Premium Semigloss: i colori appaiono troppo forti e nel cielo si notano delle strisce che la XP-55 produce su superfici omogenee.

La Expression Photo HD non rientra sicuramente nei nostri consigli di acquisto, soprattutto a casa delle strisce sottile che possiamo notare a occhio nudo nelle aree omogenee di un’immagine. Nemmeno allineando le testine o sciacquando gli ugelli è cambiato molto.

Ci si collega alla stampante tramite USB 2.0 o WiFi; non esiste un display, ma grazie a WPS il collegamento è risultato facile. Esistono diversi pulsanti di comando con un buon punto di pressione. È incluso un vassoio per la stampa su CD e DVD in aggiunta ai due cassetti per la carta normale (100 fogli) e carta fotografica (20 fogli), così come un alimentatore posteriore di fogli singoli per i supporti più spessi.

La Expression Photo HD è dotata di stampa fornte/retro automatica, ma il vassoio della carta deve essere estratto manualmente. L’alimentatore di fogli singoli richiede parecchia pazienza.

Il test passo per passo

Durante il nostro test abbiamo dapprima stampato una serie di foto ad alta risoluzione su diversi tipi di carta fotografica. Ci siamo concentrati su supporti originali e non abbiamo provato, ad esempio, una stampante Epson con carta Canon. Abbiamo optato per un formato 3:2 che corrisponde al rapporto più comune nella maggior parte delle fotocamere reflex digitali.

La miglior stampante fotografica
Epson SC-P900, SC-P700, Canon Pixma Pro 200 e Pixma G550 (sopra).

Per potere valutare la stampa senza bordi, abbiamo stampato un’immagine di prova ritagliata a circa 7:5 in formato DIN A con croci agli angoli con ogni stampante fotografica. Non abbiamo fatto ulteriori aggiustamenti nel driver, dove si può impostare la misura in cui la foto può essere stampata oltre il bordo. Maggiore è l’immagine, maggiore il rischio che spuntino strisce bianche sul bordo, che difficilmente possono poi essere ritagliate a mano.

1 di 5
La miglior stampante fotografica
Stampa di prova 3:2.
La miglior stampante fotografica
Ritratto di prova.
La miglior stampante fotografica
Stampa di prova bianco e nero.
La miglior stampante fotografica
Paesaggio di prova.
La miglior stampante fotografica
Stampa di prova 7:5.

La nostra immagine di prova principale contiene un collage con scala di grigi, rappresentazione RGB del gradiente di colore, tutti i colori primari (RGB e CYMK) e tre foto di paesaggi, ritratti e scatto notturno (lunga esposizione). Abbiamo creato l’immagine di prova con una risoluzione di 6.000 × 4.000 pixel (24 megapixel) nello spazio colore sRGB e abbiamo  prestato attenzione che le foto incluse avessero una risoluzione sufficientemente alta e una corretta gestione del colore.

La foto del paesaggio presenta colori forti, quasi esagerati ed è stata usata per comparare la rappresentazione dei colori delle diverse stampanti fotografiche. Le stampanti offrono dei colori ricchi? I toni blu, verdi e giali corrispondono all’originale? Il cielo è omogeneo e senza rottura di colore? Abbiamo deciso di stampare questa foto solamente in formato A4 per garantire una densità di pixel sufficiente, visto che ha una risoluzione di soli 3.000 × 2.000 pixel.

La riproduzione del colore è un criterio fondamentale

Al contrario, il ritratto delle tre donne ha una risoluzione così alta che potrebbe essere stampata in A3 O A3+ con qualsiasi stampante fotografica. Il punto principale qui è valutare la riproduzione e la naturalezza dei diversi toni di pelle.

Ultima ma non meno importante: abbiamo stampato una foto in bianco e nero ad alta risoluzione in formato A3 o A3+, che punta sui toni medi coprendo tutti i valori tonali o i livelli di luminosità. Abbiamo usato questa immagine per testare la nitidezza, il dettaglio nelle aree scure e chiare dell’immagine e la neutralità della riproduzione in scala di grigi.

Domande più frequenti

Qual è la migliore stampante fotografica?

Secondo noi la migliore stampante fotografica è la Canon imagePROGRAF Pro-300. Non è sicuramente economica, ma offre delle stampe di altissima qualità ed è in grado di stampare su qualsiasi supporto.

Quanto costa una foto?

Una foto piccola si aggira intorno ai 20 cent. Più il formato aumenta, più il prezzo sale. In caso di formati A3 bisogna fare i conti con qualche euro a foto.

Quanto costa una stampante fotografica?

Una buona stampante fotografica costa qualche centinaio di euro. A seconda delle proprie esigenze si può arrivare anche a mille euro.

Commenti

0 Commenti