La miglior telecamera retromarcia
test
Pubblicato: 6.4.2022

La miglior telecamera retromarcia

Abbiamo testato 9 telecamere di retromarcia e la migliore è l’Auto-Vox W7: la trasmissione del segnale è stabile, lo stand per il display è solido, la qualità dell’immagine è buona. Auto-Vox ha nella sua gamma un modello simile ma leggermente più costoso a batteria solare, la Solar 1. Un modello dello stesso calibro è la Boscam K1.

Jochen Wieloch
Jochen Wieloch
appassionato di droni e di riprese aree ad alta risoluzione, si occupa in generale di elettronica di consumo. Germanista, è specializzato in TV a schermo piatto e scrive per riviste specializzate come Audiovision, i-fidelity e Auto Bild Klassik.
Eleonora Cuccuru
Eleonora Cuccuru
laureata in Traduzione Specialistica, è traduttrice e ha lavorato come sottotitolatrice e adattatrice di film e documentari. Ama le lingue e i processi linguistici, sperimentare nuove ricette e ha un debole per la cucina italiana e internazionale.
Aggiornamento informazioni

Testiamo in continuazione nuovi prodotti e revisioniamo i nostri consigli con regolarità. Vi informeremo non appena questo articolo sarà stato aggiornato.

Le telecamere di retromarcia per auto danno un grande supporto nelle manovre, nel parcheggio, o semplicemente sono utili per controllare, ad esempio, la roulotte agganciata dietro. Sono, tuttavia, una merce estremamente rara, soprattutto nei veicoli più vecchi. A questa mancanza si può fortunatamente rimediare. I modelli wireless sono particolarmente pratici perché si installano più rapidamente delle alternative cablate.

Abbiamo testato 9 telecamere di retromarcia senza fili, vi illustriamo i principali modelli sul mercato e una breve guida all’acquisto. Ecco i nostri consigli in breve.

I nostri consigli in breve

La migliore

Auto-Vox W7

La miglior telecamera retromarcia
La W7 combina una trasmissione del segnale stabile con una buona immagine, facilitando notevolmente le manovre di parcheggio.

L’Auto-Vox W7 rende le manovre di parcheggio più comode e offre una panoramica più chiara della zona retrostante del veicolo. Questa telecamera compatta regala una buona immagine, il segnale trasmesso è stabile e anche il display ha il suo perché.

Buona alternativa

Boscam K1

La miglior telecamera retromarcia
La K1 offre un buon rapporto qualità/prezzo, un supporto utile nei parcheggi e uno stabile stand per il monitor.

Con la Boscam K1, abbiamo una telecamera retromarcia compatta dalla trasmissione stabile, un monitor convincente e un supporto a ventoso per meno di 100 euro.

La migliore wireless

Auto-Vox Solar 1

La miglior telecamera retromarcia
Questa telecamera retromarcia dell'Auto-Vox è alimentata da una batteria solare e si installa in pochi secondi.

La telecamera di retromarcia Auto-Vox Solar 1 si monta in un attimo grazie a un sistema ingegnoso. Viene alimentato tramite un pannello solare, quindi non abbiamo bisogno di un cavo aggiuntivo nel veicolo. La trasmissione del segnale e la qualità dell’immagine sono altrettanto buone.

Tabella di confronto

La miglioreAuto-Vox W7
Buona alternativaBoscam K1
La migliore wirelessAuto-Vox Solar 1
Auto-Vox M1W
Lescars PX4155-944
AEG 97153
Liehuzhekeji
La miglior telecamera retromarcia
  • Telecamera compatta
  • Immagine riprodotta buona
  • Supporto stabile
  • Trasmissione segnale stabile
  • Il cavo deve passare per la carrozzeria
La miglior telecamera retromarcia
  • Buon campo d'azione
  • Telecamera compatta
  • Immagine riprodotta buona
  • Supporto stabile
  • Trasmissione segnale stabile
  • Il cavo deve passare per la carrozzeria
  • Modulo radio ingombrante
La miglior telecamera retromarcia
  • Montaggio rapido
  • Pannello solare
  • Immagine riprodotta buona
  • Supporto stabile
  • Trasmissione segnale stabile
  • Costosa
La miglior telecamera retromarcia
  • Buon campo d'azione
  • Immagine fotocamera buona
  • Supporto a ventosa stabile
  • Linee guida
  • Trasmissione segnale stabile
  • Il cavo deve passare per la carrozzeria
  • Modulo radio ingombrante
La miglior telecamera retromarcia
  • Immagine fotocamera buona
  • Segnalatori acustici di distanza
  • Linee guida e segnalatori di distanza
  • Stand monitor poco stabile
  • No ventosa ma retro adesivo
  • Installazione difficoltosa
  • Trasmissione del segnale instabile
La miglior telecamera retromarcia : 009 Aeg Automotive 97153 Funk R%c3%bcckfahrkamera E1613731516786
  • Immagine buona
  • Linee guida
  • Supporto monitor a ventosa
  • Trasmissione sensibile a interferenze
  • Il cavo deve passare per la carrozzeria
La miglior telecamera retromarcia
  • Display di grandi dimensioni
  • Telecomando
  • Economica
  • Pessimo supporto per il monitor
  • Il display deve essere montato sul cruscotto
  • Stabilità dell'angolo di visione scarsa e immagine mediocre
  • No linee guida
  • Il cavo deve passare per la carrozzeria
Mostra dettagli prodotto

Telecamera retromarcia: ha senso?

Chiunque abbia mai provato a monovrare senza aiuti un furgone o un’auto in un parcheggio stretto, avrà sicuramente desiderato una telecamera di retromarcia. Questo sistema offre una panoramica degli ostacoli attorno l’auto quando gli specchietti non bastano. I segnali ottici e acustici facilitano le manovre e aiutano a stimare meglio le distanze, evitando di danneggiare altre auto o pedoni.

La miglior telecamera retromarcia : 012 Ruckfahrkamera
Ideale per chi ha problemi con i parcheggi.

Sapere cosa sta succedendo nella zona retrostante ci aiuta a rilassarci durante le manovre. I piccoli dissuasori possono essere trascurati con facilità e ogni urto può gravare sul portafoglio. Questo tipo di telecamere sono una vera manna dal cielo nei parcheggi stretti.

Soprattutto se agganciate un portabiciclette, un rimorchio, una roulotte o un box per cavalli, avrete sempre la sicurezza di poter controllare cosa sta succedendo al carico trainato.

Come funziona

Una telecamera di retromarcia è composta da tre elementi: un display da attaccare al cruscotto o al parabrezza con un supporto a ventosa o un adesivo, una telecamera e un modulo radio. La telecamera si monta sulla targa, sul finestrino posteriore o sul paraurti.

Si alimenta tramite le luci posteriori, una batteria o energia solare

I segnali sono trasmessi dalla telecamera al display via radio, quindi potete risparmiarvi ulteriori cavi all’interno dell’automobile. Il display di solito si alimenta tramite l’accendisigari. In casi eccezionali, la telecamera funziona a batteria o tramite energia solare, ma normalmente prende energia dalla luce posteriore. Una volta inserita la retromarcia, la telecamera si attiva automaticamente.

In alternativa al classico display separato, c’è la possibilità anche di usare lo smartphone come monitor di controllo, una soluzione sicuramente più flessibile che non richiede l’alimentazione da 12 Volt.

Montaggio

L’installazione del display e della telecamea non è sempre semplice. Se, da una parte, il monitor si sistema rapidamente tramite ventosa o adesivo, la telecamera, d’altra parte, deve essere inserita nell’area della targa. Grazie a sistemi di bloccaggio o adesivi, nemmeno questa parte risulta troppo complicata.

Chiedete aiuto a un professionista

Ma se la telecamera retromarcia in questione non viene alimentata a batteria o tramite energia solare, ci troviamo di fronte a una bella sfida. Non tutti riescono infatti a sfruttare l’energia della luce di retromarcia. Inoltre bisogna posizionare i cavi della telecamera all’interno dell’abitacolo. Con un po’ di fortuna possiamo sfruttare il foro di montaggio della targa. Forare la carrozzeria, infatti, non solo richiederebbe molto sforzo ma anche una certa abilità, e in seguito bisognerebbe sempre tenere sotto controllo la corrosione.

Raccomandiamo di farvi aiutare da un’officina o da un esperto in materia, qualora non vi sentiste molto sicuri. Il danno di un’installazione non precisa potrebbe essere decisamente superiore di quanto spendereste per un professionista.

La miglior telecamera retromarcia
Il monitor si alimenta tramite l’accendisigari, mentre l’alimetazione della telecamera è più complicata.

Cosa c’è da sapere

Un problema con questi dispositivi può essere la portata del segnale e la disconnessione dell’immagine. C’è anche il rischio di interferenze con i segnali dei cellulari. Specialmente se possedete un veicolo grande, assicuratevi che il segnale sia stabile, testandolo nel quotidiano. Se preferite andare sul sicuro, optate per una telecamera wireless per camper, dove la portata è sicuramente maggiore.

L’angolo di visione deve essere esteso

L’angolo di visione della telecamera dovrebbe essere molto esteso per monitarare un’area più ampia. Un campo di visione di 170 gradi sarebbe l’ideale, poiché assicura anche una panoramica anche alla destra e alla sinistra del veicolo.

Anche la nitidezza delle immagini gioca un ruolo importante, una risoluzione HD in questo caso sarebbe adeguata. Quasi tutti i modelli in gara hanno una risoluzione di soli 480 x 272 pixel, cosa non proprio accettabile nell’era dell’HD, ma abbastanza sufficiente per le manovre di parcheggio. I display di dimensioni maggiori sono sicuramente preferibili a quelli piccoli. Quelli che abbiamo testato noi vanno dai 4,3  ai 5/7 pollici.

L’immagine riprodotta dovrebbe essere in grado di mostrare le linee guida di manovra. Sarebbe meglio se seguissero un sistema a semaforo, in modo da capire quanto margine si ha ancora da un’altra auto o un ostacolo. Inoltre sarebbe ideale una funzione di visione notturna.

La miglior telecamera retromarcia
È indispensabile che la telecamera sia impermeabile.

Le telecamere adibite ad uso esterno devono resistere alla pioggia e allo sporco, pertanto fate attenzione la grado di protezione IP indicato. Noi vi consigliamo le classi IP67  e IP68, le quali garantiscono un’elevata protezione contro la polvere e differiscono solo per il lasso di tempo di esposizione all’umidità.

La migliore: Auto-Vox W7

L’Auto-Vox W7 è una telecamera di retromarcia facile da usare con una buona qualità dell’immagine. Il display è elegante e la trasmissione del segnale molto stabile.

La migliore
Auto-Vox W7
La miglior telecamera retromarcia
La W7 combina una trasmissione del segnale stabile con una buona immagine, facilitando notevolmente le manovre di parcheggio.

Questa telecamera compatta (4 x 2,5 cm)  ha una risoluzione di 480 x 272 pixel e un angolo di visione di 110 gradi. La correzione dell’esposizione e il bilanciamento del bianco sono automatici, la trasmissione del segnale al monitor avviene tramite connessione wireless criptata a 2,4 Hz. Appartenendo alla classe IP68, può anche sopportare un giro all’autolavaggio.

Per il montaggio o per collegarla all’alimentazione è necessario rimuovere la targa. La telecamera può essere montata al centro (quel che vi consigliamo) o sui due lati. I cuscinetto adesivo è già montato. Dopo aver rimosso la pellicola protettiva, bisogna semplicemente spingere la telecamera nella posizione desiderata. L’angolo di inclinazione verticale della telecamera può essere regolato di circa 70 gradi.

La miglior telecamera retromarcia
La piccola telecamera risulta perfettamente mimetizzata.

Ed ecco che le cose si complicano: il cavo di alimentazione con fili positivi e negativi deve essere collegato a una luce di retromarcia. Se non potete usare il foro del portatarga, vi toccherà prendere in mano il trapano. Il cavo deve risultare ordinato e senza grovigli. Per collegarlo alla luce di retromarcia, è necessario rimuovere il coperchio.

Il cavo dell’Auto-Vox  W7 è così lungo che non dovrete preoccuparvi di farlo arrivare fino alla luce posteriore. Il cavo rosso è da collegare al filo positivo, quello nero al filo di terra.

La piccola scatola di connessione con l’antenna dovrebbe idealmente essere posizionata in verticale e lontano da altri carichi elettrici.

La miglior telecamera retromarcia
Il cavo della telecameradeve essere inserito nella luce posteriore.

Più veloce da montare è il monitor da 5 pollici con una risoluzione pari a 480 x 272 pixel. La parte posteriore si incastra nel supporto a ventosa installato a sua volta sul cruscotto o parabrezza.

Supporto per il monitor molto stabile

Il monitor risulta robusto e la ventosa mantiene salda la staffa di bloccaggio. Può essere ruotato di 360 gradi e inclinato a piacimento. Il monitor viene alimentato tramite un adattatore inserito nell’accendisigari, il quale è dotato anche di una presa USB per caricare il cellulare o il tablet durante la guida.

Prova pratica

Non appena accendiamo il quadro, anche il monitor si attiva, ma l’immagine appare solo dopo aver inserito la retromarcia. Premendo il pulsante destro del menù è possibile regolare la luminosità e il contrasto dell’immagine.

La miglior telecamera retromarcia
Uno sguardo al monitor da 5 pollici e abbiamo una bella panoramica.

Le linee guida possono essere, all’occorrenza, disattivate. È possibile anche sceglierne la larghezza e la lunghezza secondo sei diverse preimpostazioni.

Siamo soddisfatti dell’assistenza che questa fotocamera retromarcia ci ha fornito. Con l’obiettivo correttamente allineato, è possibile vedere esattamente ci che sta accadendo dietro il veicolo. C’è un’altra automobile parcheggiata? Ci sono bambini che giocano? C’è un dissuasore? Non verrete più colti alla sprovvista.

Anche parcheggiare sarà più facile. Dovrete giusto fare un po’ di pratica con le distanze indicate dalle linee guida. Ma in generale, soprattutto se non siete un asso dei parcheggi, vi darà una sensazione di maggiore sicurezza, una buona panoramica e un’idea di come effettuare meglio le manovre.

Come per tutte le telecamere retromarcia che abbiamo testato, l’immagine non è nitida, ma durante il giorno è priva di interferenze, i colori sono fedeli e il contrasto è buono. Di notte, si percepiscono alcune interfenze, ma ancora entro i limiti dell’accettabilità. L’Auto-Vox W7 ci ha convinto anche per l’ottima trasmissione del segnale. Anche su distanze più lunghe (6 o 7 metri) non abbiamo sperimentato alcuna interferenza nel segnale, nemmeno con uno smartphone in uso.

Conclusione

L’Auto-Vox W7 offre un buon pacchetto completo al prezzo giusto. Il monitor e la teelcamera stessa forniscono un’immagine di buona qualità, facilitando notevolmente il parcheggio. La trasmissione del segnale è affidabile e la telecamera montata sul portatarga si nota appena.

Alternative

Le alternative che vi proponiamo non differiscono troppo dall’Auto-Vox W7. Ciò che è interessante  è la diversa fonte di alimentazione, ossia l’energia solare.

Buona alternativa: Boscam K1

La telecamera retromarcia Boscam K1 è molto simile alla Auto-Vox W7, solo che il monitor è leggermente più piccolo e il menù non si gestisce tramite i pulsanti laterali, ma quelli posteriori. Per il resto, la K1 ci ha convinto anche per la trasmissione dell’immagine.

Buona alternativa
Boscam K1
La miglior telecamera retromarcia
La K1 offre un buon rapporto qualità/prezzo, un supporto utile nei parcheggi e uno stabile stand per il monitor.

Questa telecamera impermeabile si fissa sopra la targa tramite il retro adesivo. L’angolo di inclinazione può essere regolato di circa 70 gradi. Il campo di visione di 170 gradi è abbastanza ampio da offrire una buona panoramica della zona retrostante al veicolo.

La miglior telecamera retromarcia
La telecamera si mimetizza bene.

Il cavo di alimentazione deve passare attraverso la carrozzeria, in cui sono fissati il modulo radio con l’antenna e i cavi di collegamento per la luce di retromarcia. Grazie al nastro biadesivo, il modulo radio può essere fissato alla parete laterale del bagagliaio per evitare che si muova.

Il monitor da 4,3 pollici ha una risoluzione di 480 x 272 pixel ed è attaccato a uno stabile supporto a ventosa. È possibile ruotare lo schermo di 360 gradi e regolare l’inclinazione. In generale si tratta di un display di qualità.

La miglior telecamera retromarcia
Con 4,3 pollici si tratta di uno dei monitor più piccoli in gara.

Il tasto sul retro del monitor permette di regolare luminosità, contrasto e colore. Le poche funzioni disponibili sono semplici da gestire. La stabilità dell’angolo di visione è buono, così come la nitidezza, la riproduzione dei colori e il contrasto. Raramente sono presenti rumori di immagine durante il giorno. Quando la luce esterna è minore, il rumore aumenta significativamente, diciamo che non è l’ideale per guardare un film, ma è sufficiente per riconoscere ostacoli o altre auto vicine.

La telecamera retromarcia Boscam K1 offre comunque delle buone caratteristiche a un prezzo più che giusto.

A energia solare: Auto-Vox Solar 1

Se non avete voglia di armeggiare con cavi, volete installare la telecamera retromarcia in meno di un minuto e siete disposti a spendere qualche euro in più, allora vi consigliamo l’Auto-Vox Solar 1. È praticamente identica all’Auto-Vox W7, soltanto che in questo caso l’alimentazione viene fornita tramite un pannello solare.

La migliore wireless
Auto-Vox Solar 1
La miglior telecamera retromarcia
Questa telecamera retromarcia dell'Auto-Vox è alimentata da una batteria solare e si installa in pochi secondi.

E non stiamo esagerando, questa telecamera si posiziona in dieci secondi di orologio. Un piccolo cavo che passa per la targa collega la Solar 1 al pannello solare. La telecamera rimane attaccata tramite un cuscinetto adesivo e lo stesso vale per il pannello solare.

La telecamera può essere inclinata di 30 gradi ma non può essere montata al centro perché la vite sul porta targa impedisce al cavo di arrivare fino a lì. Ma comunque le funzioni non risultano limitate (giusto l’angolo di visione è leggermente spostato di lato) e questa leggera assimetria non ci disturba troppo. I perfezionisti non devono fare altro che svitare velocemente il porta targa per centrare la telecamera e il pannello.

La miglior telecamera retromarcia
Sopra la targa troviamo la telecamera, in basso i pannello solare. Ottima soluzione.

Il modulo solare contiene una batteria da 2800 mAh, che può essere ricaricata in qualsiasi momento tramite cavo USB. Vi consigliamo sicuramente di farlo prima del primo utilizzo. Poi, a detta del produttore, 30 minuti di luce solare al giorno vi permetteranno di ricaricare manualmente la batteria solo una volta l’anno, per esempio tramite power bank, una presa in garage o un lungo cavo USB che parte dall’accendisigari.

Nessun altro cavo è necessario per il monitor da 4,3 pollici. Viene alimentato tramite l’accendisigari e il supporto a ventosa è parecchio stabile. L’immagine trasmessa è abbastanza nitida e le linee di parcheggio possono essere regolate in larghezza e lunghezza secondo sei livelli. In dotazione viene fornito anche un telecomando per accendere o spegnere il display: si tratta di una piccola capsuola nera che può essere anche incollata sulla console centrale.

Il monitor è come quello del nostro preferito in gara, infatti offre una trasmissione eccellente.

La miglior telecamera retromarcia
Il monitor viene alimentato tramite l’accendisigari, non sono necessari altri collegamenti via cavo.

A nostro avviso la telecamera retromarcia Auto-Vox Solar 1 offre una soluzione ingegnosa e l’installazione più rapida in gara. Finalmente non bisogna più armeggiare con cavi fastidiosi o forare la carrozzeria.

La concorrenza

Auto-Vox M1W

Anche la telecamera retromarcia Auto-Vox M1W offre un monitor da 4,3 pollici con una risoluzione di 480 x 272 pixel. Questo si fissa al parabrezza o al cruscotto tramite un supporto a ventosa che risulta molto stabile.

La fotocamera compatta si attacca a una piccola piastra metallica può essere sistematata ovunque dietro la targa e può essere allineata con un angolo di circa 45 gradi. Non appena la luce ambientale si attenua, si accendono sei LED a infrarossi. Il campo di visione di questa telecamera retromarcia di 170 gradi risulta molto ampio.

All’interno dell’abitacolo trovano spazio il cavo e il trasmettitore radio, che regala un segnale parecchio stabile.

È possibile regolare la luminosità, il contrasto e il colore del display e la qualità dell’immagine è abbastanza buona. La presa da 12V aggiuntiva con porta USB è molto pratica per caricare, ad esempio, anche il cellulare. L’Auto-Vox M1W è un prodotto molto simile alla Boscam K1 che ci sentiamo di consigliare.

Lescars PX4155-944

La Lescars PX4155-944 si monta sul portatarga. Si tratta di un modello che, con un prezzo attorno ai 130 euro, appartiene sicuramente alla classe superiore. Il monitor da 4,3 pollici offre una risoluzione da 480 x 272 pixel. La telecamera ha un angolo di 110 gradi. Lescars indica una distanza di rilevamente compresa tra i 30 cm e i 2 m.

Il montaggio sul porta targa non è stato ben pensato: per fissare la telecamera bisogna infatti forare la targa e inserire due viti, oppure fissare prima il supporto e poi provare a flettere la targa.

La telecamera può essere ruotata fino a 90 gradi per scegliere la sezione ideale dell’immagine. Le estremità di due cavi devono essere inserite all’interno del veicolo e probabilmente sarà necessario forare la carrozzeria con un trapano. Oltre al trasmettitore, bisogna nascondere nel bagagliaio anche un mini altoparlante, nel caso voleste usare anche un sistema acustico di avviso a distanza.

Il supporto di plastica del monitor è attaccato al cruscotto e purtroppo non è di ottima qualità. Anche qui, tramite un tasto sul retro è possibile regolare la luminosità, il contrasto e la saturazione dell’immagine. La qualità e la nitidezza sono buone, i colori naturali, e il rumore è minimizzato. Con l’arrivo del buio l’immagine perde un po’ di qualità.

Oltre alle linee guida, viene anche visualizzata anche la distanza dall’ostacolo o dalla fine dell’area di parcheggio. Anche l’avviso acustico funziona bene. Tuttavia, durante la prova, abbiamo riscontrato più volte problemi con la trasmissione del segnale e abbiamo notato anche un certo ritardo tra l’inserimento della retromarcia e la comparsa dell’immagine.

Per il resto, siamo abbastanza soddisfatti della Lescars PX4155-944.

AEG 97153

La telecamera retromarcia AEG Automotive 97153 si monta sotto il porta targa tramite due viti. Come abbiamo già visto, la norma è la foratura della carrozzeria, ma bisogna sempre fare attenzione alla corrosione dei materiali.

La telecamera ha una risoluzione di 640 x 480 pixel, il monitor solo 480 x 272 pixel. Quest’ultimo ha una diagonale di 4,3 pollici e un angolo di visione pari a 110 gradi e si attacca sempre tramite un sistema a ventosa. Il supporto è buono, ma niente di eccezionale. L’angolo di inclinazione della telecamera può essere regolato di 30 gradi.

Il difetto principale dell’AEG si nota dopo pochi secondi: anche se la telecamera si trova a soli tre metri di distanza dal monitor, la trasmissione del segnale non è stabile. L’immagine sfarfalla costantemente e il monitor diventa nero a tretti. Solo a una distanza di due metri la trasmissione risulta stabile. Il che significa che non è sicuramente un modello adatto ai veicoli più grandi.

Attraverso il menù è possibile modificare la luminosità, il contrasto, il colore e gestire le linee guida. Quando l’immagine non è disturbata, offre una qualità buona, nitida e dai contorni definiti. Logicamente al buio la qualità diminuisce, ma grazie a sette LED infrarossi, la luminosità sarà sufficiente per giostrarsi nei parcheggi.

A causa della scarsa trasmissione a 2,4 Ghz, non siamo rimasti particolarmente colpiti dalla AEG Automotive 97153.

Il test passo per passo

Abbiamo testato un totale di 9 telecamere retromarcia in una fascia di prezzo compresa tra i 60 e i 150 euro. Abbiamo installato i monitor nell’abitacolo di una Volvo XC90. Per evitare di dover attingere all’alimentazione della luce di retromarcia, abbiamo adottato una soluzione con morsetti per cavi e adattatori per l’accendisigari nella parte posteriore della Volvo. In questo modo non sono il display, ma anche la telecamera, veniva alimentata da una connessione a 12 Volt.

Oltra alle difficoltà nell’installazione, abbiamo tenuto conto anche della qualità dell’immagine, di eventuali funzioni aggiuntive e, naturalmente, della qualità del segnale.

La miglior telecamera retromarcia
I modelli testati.

A causa nelle nevicate e piogge continue, ci siamo procurati anche un adattatore da 12 Volt per la presa e per l’accendisigari per poter testare questi sistemi anche a casa e su diverse distanze. Tra telecamera e display abbiamo posizionato uno smartphone per creare delle interferenze.

Domande più frequenti

Come funziona una telecamera retromarcia?

L’unità della telecamera si posiziona sulla targa, sul paraurti o sul lunotto posteriore, per poi trasmettere il segnale via radio al display, attaccato al parabrezza o al cruscotto tramite un supporto adesivo o a ventosa. In questo modo, si evita un cavo di collegamento per tutta la lunghezza della vettura.

Come vengono alimentati display e telecamera?

Il display solitamente ricava energia dall’accendisigari. Nella maggior parte dei casi, la fotocamera viene alimentata tramite la luce posteriore e si attiva automaticamente una volta inserita la retromarcia. Esistono comunque modi diversi, come un’alimentazione a batterie o tramite pannello solare.

Quali sono i fattori importanti?

Per una buona visuale, è fondamentale avere un segnale stabile. L’ angolo di visione dovrebbe essere il più ampio possibile (idealmente 170 gradi) per avere un’ottima panoramica d’insieme. Per lo stesso motivo è anche importante che il monitor sia grande e con una buona risoluzione.

Una risoluzione HD sarebbe l’ideale, ma molti modelli si limitano a 480 x 272 pixel, sufficienti per aiutarci durante le manovre di parcheggio.

Di che funzioni dispone?

Per una sicurezza maggiore durante le manovre, sarebbe bene che il monitor mostrasse le linee di guida. Anche un sistema a colori o segnali acustici che indicano la vicinanza a un ostacolo sono funzioni fondamentali. Cosa non può mancare? Una funzione notturna, perché è proprio al buio che parcheggiare risulta difficile.

Commenti

0 Commenti